Michele Santoro, chi è la moglie Sanja Podgajski: età, foto, lavoro

0
521

Il cuore di Michele Santoro è stato catturato da Sanja Podgajski. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lei.

Dopo la fine della sua prima grande storia d’amore, il duro cuore di Michele Santoro – uno dei giornalisti più noti e controversi sulla scena nazionale – è stato conquistato da Sanja Podgajski. Conosciamola più da vicino.

L’identikit di Sanja Podgajski

Michele Santoro è stato sposato 2 volte nella sua vita. La prima volta con Tonia Cardinale, 66 anni: dal loro matrimonio, durato 12 anni, è nata una figlia, Luna. Dopo il naufragio della loro relazione, il giornalista si è sposato con Sanja Podgajski. Psicologa, classe ’64, Sanja ha 57 anni ed è di origini slave ma riminese d’adozione. La cerimonia è stata celebrata nel 1997 con una cerimonia intima e privata.

Leggi anche –> Stasera in tv, Non è l’Arena: ospiti e anticipazioni del 2 maggio 

In un articolo di Repubblica datato 1997 si leggeva che “Sanja e Michele si sono conosciuti a Roma. Lei, nata a Zagabria, una laurea in Psicologia, qualche anno passato a lavorare negli alberghi, poi la professione di psicoterapeuta. È arrivata a Rimini ancora bambina, con la mamma che ha lasciato alle spalle il precedente legame con il padre Giuro. Ricomincia una nuova vita, tra gli amici del nuovo padre, Iliano Annibali, titolare dell’’Italsementi’, una grossa ditta di import-export di sementi, 30 miliardi di fatturato. Per alcuni anni la famiglia Annibali gestisce il Grand Hotel: a fare il direttore in quegli anni è Alessandro, figlio di Iliano, ora titolare della ‘New Factor’ e marito di Amalia Maggioli, giovane imprenditrice dell’ impero dell’editoria e della modulistica. Famiglie in vista della Rimini che conta”.

Leggi anche –> Rissa in Rai tra giornalisti, pugni in faccia: arriva la polizia 

E ancora: “In riviera Sanja, occhi chiari penetranti, lineamenti vagamente esotici, un fisico da modella, non passa inosservata. Le piace la psicologia, anche se non disdegna qualche esperienza di lavoro in albergo. Ma poi Rimini le va stretta. Decide di trasferirsi nella Capitale. Qualche lavoro di pubbliche relazioni, si avvicina al mondo della televisione. Lì incontra Michele Santoro. Ai tempi di ‘Samarcanda’, il programma che ha lanciato il giornalista. E fra i due scatta il feeling”. Una favola che dura tuttora, allietata anche dalla nascita di una figlia di nome Micol.