Mercato, Spalletti potrebbe essere un bluff: chi sarà l’allenatore del Napoli

0
128

Mercato degli allenatori: Spalletti potrebbe essere soltanto una copertura del Napoli per nascondere il vero obiettivo

Spalletti con Totti – foto GettyImages

Sembra il nome più vicino al Napoli. Luciano Spalletti è l’allenatore più accostato alla panchina azzurra da qualche settimana a questa parte. L’esperienza recente sulle operazioni del Napoli, specie in merito agli allenatori, lascia presagire che anche stavolta potrebbe essere l’ennesima copertura. De Laurentiis non è nuovo a questo tipo di strategie per nascondere il suo reale obiettivo, la sua strategia. Non molti anni fa si fece notare con Emery mentre concludeva l’accordo a sorpresa con Maurizio Sarri. E di allenatori emergenti, pronti per una nuova opportunità allettante come Napoli ce ne sono.

Mercato, ipotesi copertura su Spalletti

Su tutti spiccano De Zerbi, Italiano e Juric, rispettivamente sulle panchine di Sassuolo, Spezia e Verona. Almeno uno di questi tre allenerà una squadra più importante il prossimo anno. Il Napoli, però, potrebbe nascondere anche un nome più forte. C’è Simone Inzaghi che piace a De Laurentiis e non ha ancora rinnovato con la Lazio. Dopo sei anni il tecnico potrebbe decidere di cercare nuovi stimoli. Poi c’è il nome sempre presente sui taccuini quando si parla di Napoli: si tratta di Rafa Benitez. In una recentissima intervista a Sky, l’allenatore spagnolo ha avuto parole di apertura verso l’Italia e Napoli senza negare la possibilità di un ritorno sotto al Vesuvio. Benitez, però, è un altro stratega della comunicazione non da meno rispetto al produttore cinematografico. Rafa potrebbe anche aver lanciato un amo sperando che qualcuno di suo interesse potesse farsi avanti, in Italia o in Premier.

Leggi anche > Festa dell’Inter, gli insulti al vip

Intanto chi è sempre più lontano dalla panchina azzurra è Gennaro Gattuso. Ormai sembrano cadute anche le recenti ipotesi di un ripensamento, di un avvicinamento tra lui e il club. Le parti sono lontane e si saluteranno per volontà reciproca alla fine di questo campionato.

Leggi anche > Inter, l’incognita Conte