domenica, Gennaio 29, 2023

Omicidio Vannini, Antonio Ciontoli: la richiesta appena entrato in carcere

Nell’ambito dell’omicidio Vannini, Antonio Ciontoli avanza una richiesta al direttore del carcere di Rebibbia. E che avviene a moglie e figlia.

Omicidio Vannini Marco con la famiglia Cioontoli
Omicidio Vannini Marco con la famiglia Ciontoli Foto dal web

Omicidio Vannini, la sentenza di condanna per Antonio Ciontoli e per i componenti della sua famiglia sono definitive. La Corte di Cassazione ha riconosciuto lui, la moglie Maria Pezzillo ed i loro figli Federico e Martina colpevoli a vario titolo per la morte di Marco Vannini, avvenuta il 18 maggio 2015.

Leggi anche –> Chi l’ha visto, anticipazioni 5 maggio 2021: casi Vannini, Pipitone ed altro

Il giovane di Ladispoli venne raggiunto da un colpo di pistola di proprietà di Antonio Ciontoli. E dopo il ferimento rivelatosi letale, i Ciontoli ritardarono in maniera colpevole i soccorsi e l’intervento di una ambulanza.

Antonio ha ricevuto una pena di 14 anni per omicidio con dolo eventuale. Gli altri suoi congiunti rimarranno in cella per i prossimi 9 anni e 4 mesi per concorso anomalo in omicidio. Dopo questa sentenza definitiva per l’omicidio Vannini, è giunta una richiesta da parte del capofamiglia.

Lui si è rivolto direttamente al direttore del carcere di Rebibbia affinché potesse attemperare ad un suo desiderio. “Mio figlio Federico è solo un ragazzo, chiedo di potere stare in cella assieme a lui”. Un appello immediatamente caduto nel vuoto.

Leggi anche –> Omicidio Vannini, la Cassazione conferma tutte le condanne

Omicidio Vannini, stessa cella per moglie e figlia di Ciontoli

La motivazione ufficiale circa il no avanzato a questo desiderio sarebbe da ricercarsi in delle non meglio specificate “questioni di protocollo”, come riporta il quotidiano ‘Il Messaggero’. A Rebibba Ciontoli padre e figlio si sono presentati insieme, a poche ore di distanza dall’emissione della sentenza di condanna ai loro danni.

Leggi anche –> Omicidio Vannini, la sentenza della Cassazione sul processo bis

Lì dovranno sottostare ad isolamento per rispettare le norme anti pandemia vigenti. Poi comincerà a tutti gli effetti la loro detenzione. Stessa cosa hanno fatto anche Maria Pezzillo e Martina Ciontoli.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Pure loro sconteranno la loro pena nel carcere di Rebibbia, all’interno della sezione femminile. In questo caso madre e figlia trascorreranno il loro periodo detentivo insieme.

Foto dal web

Può interessarti anche