Giovanni Limata, chi è il ragazzo complice di Elena Gioia: ha ucciso il padre di lei

0
95

Giovanni Limata è il complice di Elena Gioia. I due avrebbero collaborato per commettere l’omicidio del padre di lei. 

Una vicenda straziante che ha lasciato letteralmente senza parole l’intera comunità. Azioni nate da lunghi attriti ma che nessuno avrebbe mai immaginato sarebbero finiti in tragedia.

Giovanni ed Elena si erano innamorati, ma il padre di lei si opponeva alla relazione. Un’opposizione che avrebbe scatenato la furia omicida dei due. Un omicidio pianificato nei minimi dettagli. Una storia che lascia sgomenti, ma chi è davvero Giovanni Limata?

Giovanni Limata: un passato fatto di sofferenza e liti continue

Limata ha 23 anni, vive a Cervinara e se si guarda al suo passato si vede una storia difficile fatta di minacce e litigi. Oggi il suo nome è su tutti i giornali per essere accusato dell’omicidio di Aldo Gioia. Giovanni e la fidanzata Elena avrebbero progettato la strage diversi giorni prima.

Leggi anche -> Indicente aereo, velivolo si schianta contro cantiere edile

In base alle varie testimonianze e ricostruzioni pare che i problemi di Limata si fossero manifestati già durante la scuola. Il giovane era poco propenso ad adattarsi all’ambiente scolastico e mostrava una personalità decisamente scontrosa.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Aveva frequentato l’Istituto professionale di Cervinara ma non aveva ottenuto il diploma. Nonostante il carattere difficile, il primo gesto eclatante arrivò solamente nel 2019. In quell’occasione Limata minacciò il suicidio perché una ragazza non lo ricambiava.

Leggi anche -> Cuneo, rapina in gioielleria finisce nel sangue: uccisi i rapinatori

Dopo quel momento la situazione si fece sempre più tesa e si ripercosse anche sulla famiglia. I litigi era tanti ma nessuno immaginava che sarebbe mai arrivato a commettere un omicidio. Al momento dell’arresto il giovane avrebbe scaricato tutta la colpa sulla sua fidanzata. Sarebbe stata quest’ultima a organizzare il tutto. Ad oggi si cerca ancora di capire che cosa li abbia spinti davvero a commettere un gesto tanto sconsiderato.