venerdì, Febbraio 3, 2023

Torino, guardia giurata uccide l’ex moglie: femminicidio in città

Ancora un grave dramma familiare, stavolta a Torino, guardia giurata uccide l’ex moglie: femminicidio in città.

(foto Polizia di Stato)

Un grave episodio di cronaca è avvenuto oggi a Torino, in corso Novara, nella zona Nord del capoluogo piemontese. Ancora una volta, la vittima è una donna e a sparare è il suo ex marito, a qualche mese dalla separazione. L’ennesimo femminicidio, stando a quanto si apprende, è arrivato al termine di una lite molto violenta tra i due ex coniugi. Le ragioni non sono ancora del tutto chiare.

Leggi anche –> Dramma Maria Teresa Ruta, lo sfogo tremendo della conduttrice

Il delitto è avvenuto appunto nel quartiere Barriera di Milano, vicino al cimitero Monumentale: a sparare è stata una guardia giurata di 50 anni. La vittima è la sua ex moglie, che di anni ne aveva due in meno. L’omicidio è avvenuto nell’appartamento della coppia, dove a quanto pare attualmente abitava la coppia.

Leggi anche –> Violenza efferata, ragazza assalita mentre fa jogging: dramma terribile

Guardia giurata uccide l’ex moglie: il drammatico femminicidio di Torino, cosa sappiamo finora

Secondo quanto si è appreso, sono cinque i colpi di pistola che hanno raggiunto la donna, la quale come ha raccontato una sua amica era appena rincasata dalla spesa. Questa la testimonianza dell’amica della vittima, che fa la parrucchiera in un negozio adiacente alla palazzina dove si è consumata la tragedia: “L’avevo vista dieci minuti prima, l’avevo salutata mentre rientrava a casa con le borse della spesa. Poi ho sentito i colpi di pistola”.

Da quanto si è appreso, nonostante la separazione, i due ex coniugi erano rimasti a vivere nella stessa palazzina, sebbene in appartamenti diversi. Questo perché l’uomo aveva spiegato di voler restare al fianco dei figli, una ragazza di 25 anni, già sposata e con un figlio, la quale con la sua famiglia vive nello stesso condominio, e un ragazzo di 16 anni. Quest’ultimo viveva ancora con la madre, ma non è chiaro se fosse in casa al momento del dramma. I primi a dare l’allarme, una volta sentiti gli spari, sono stati alcuni vicini di casa.

ambulanza padova

Può interessarti anche