Tajani smentisce: “Berlusconi non è morto”

0
3808

Decine di messaggi su Twitter: “Silvio Berlusconi è morto”, Antonio Tajani è costretto a smentire la bufala.

(Pier Marco Tacca/Getty Images)

Ancora una volta, si è diffusa sui social network una sconcertante bufala: riguarda la morte di Silvio Berlusconi. Su Twitter, la notizia è rapidamente di tendenza e addirittura qualcuno delinea i contorni di quanto sarebbe accaduto: “Da fonti vicine a Silvio Berlusconi è trapelato che il leader di Forza Italia sarebbe deceduto nella giornata di oggi al San Raffaele”.

Leggi anche -> Silvio Berlusconi in ospedale da 19 giorni, cresce la preoccupazione

Poiché la notizia è diventata virale, Antonio Tajani, uno dei leader di lungo corso di Forza Italia e fedelissimo del Cavaliere, si è trovato addirittura costretto a smentire con un tweet ufficiale. Pochi minuti fa, queste le parole di Tajani: “Ho appena parlato con Berlusconi. A nome di tutta Forza Italia, gli ho fatto gli auguri di pronta guarigione”.

Leggi anche -> Barbara Berlusconi, quinto figlio in arrivo per lei: quando partorirà

La smentita della notizia su Berlusconi morto: un’orribile bufala

Decine e decine i commenti già arrivati al post di Tajani, per augurare una pronta guarigione all’anziano leader politico, che il prossimo 29 settembre compirà 85 anni. Quello che risulta imbarazzante è che qualcuno si sia divertito a “mettere in giro” sulla Rete una voce completamente destituita di fondamento, in un momento in cui peraltro parenti e amici del leader di Forza Italia guardano con viva preoccupazione alle sue condizioni di salute.

Classe 1936, Silvio Berlusconi ha attraversato circa mezzo secolo di vita pubblica italiana, prima come imprenditore nel settore dell’edilizia, della televisione e dello sport, quindi come uomo politico. Fondatore di Forza Italia, è stato nominato Presidente del Consiglio per la prima volta nel 1994, per poi ricoprire quella carica in momenti successivi, prima nel 2001 e poi nel 2008. Sono in tanti a sperare che possa tornare presto a incidere sulla vita pubblica del nostro Paese.