mercoledì, Febbraio 1, 2023

Claudio Morici, chi è l’attore e scrittore: carriera e curiosità

Cosa sapere su Claudio Morici, chi è l’attore e scrittore: carriera e curiosità, i suoi esordi e il successo.

(screenshot video)

Romano classe 1972, Claudio Morici si è laureato in psicologia clinica e ha lavorato tre anni in diverse comunità terapeutiche, prendendosi cura di ragazzi psicotici. Da questa sua esperienza, nasce il romanzo d’esordio dal titolo “Matti Slegati”, pubblicato per Stampa Alternativa, casa editrice che per anni ha sfornato una serie di interessanti pubblicazioni.

Leggi anche -> Fabio Celenza, chi è il doppiatore di Propaganda Live

A partire dal 2000, ha iniziato a lavorare come creativo e copywriter, seguendo e collaborando con UniCredit Banca, così come per l’ong Save the Children e altri grossi brand di vari settori. Tra le sue collaborazioni anche quelle con Greenpeace e Medici Senza Frontiere. Nel 2007, sceglie di dedicarsi alla scrittura e al viaggio, di fatto a tempo pieno.

Leggi anche -> Karma B, drag queen e cantanti: ospiti a Propaganda Live

Carriera e curiosità sullo scrittore e attore Claudio Morici

Nasce in quegli anni il suo secondo romanzo, ovvero “Actarus, la vera storia di un pilota di robot”. Anche questa nuova pubblicazione ottiene un successo ampissimo e addirittura il libro diventa generazionale, andando in ristampa quattro volte. Escono poi case editrici di fama nazionale altri tre romanzi importanti, a partire da “La terra vista dalla luna”, edito da Bompiani. La nuova svolta arriva nel 2014, quando incontra il teatro e inizia a mettere in scena i suoi spettacoli.

Si tratta prevalentemente di reading e monologhi comici che hanno un successo incredibile, tant’è che inizia a girare praticamente da subito l’Italia. Tra le sue partecipazioni più note, quella al Festival di Internazionale, che si tiene a Ferrara. Nel marzo 2020 partecipa con un monologo comico alla finale in diretta di Italia’s Got Talent. In pieno lockdown, racconta quanto sta avvenendo con la sua ironia. In un’intervista a ‘Repubblica’ ha spiegato: “Mi piacerebbe essere comico, per una libertà di pensiero, e artista, per una libertà professionale. Non miro a traguardi di prestigio”.

Può interessarti anche