Propaganda Live, Rula Jebreal rifiuta l’invito: cosa è accaduto

0
151

I guai di Propaganda Live, la trasmissione di La7 condotta da Zoro, la giornalista Rula Jebreal rifiuta l’invito: cosa è accaduto.

(screenshot video)

Troppi ospiti uomini e lei unica donna ospitata questa sera nella puntata settimanale del programma di La7, Propaganda Live. Un polverone si è sollevato in questi minuti dopo che Rula Jebreal, la giornalista di origini palestinesi molto nota e amata dal pubblico italiano, ha detto no all’invito della produzione del programma.

Leggi anche -> Fabio Celenza, chi è il doppiatore di Propaganda Live

Proprio del conflitto israelo-palestinese, riacutizzatosi in questi giorni, la giornalista era stata interpellata da Zoro e dagli altri autori del programma per parlare. Ma una volta letta la lista degli ospiti del programma, la giornalista ha deciso di rinunciare con grande rammarico a quell’invito. Il motivo è appunto legato alla forte componente di genere maschile degli ospiti.

Leggi anche -> Karma B, drag queen e cantanti: ospiti a Propaganda Live

Perché Rula Jebreal ha rifiutato l’invito di Propaganda Live: le sue parole

Una decisione sorprendente dopo che nella tarda mattinata è apparso il post su Twitter con cui la trasmissione annunciava gli ospiti del programma. Presenti Michele Serra, Elio, Caparezza, Colapesce e Dimartino, Valerio Aprea, Fabio Celenza, Claudio Morici, Memo Remigi e il maestro Enrico Melozzi, con un omaggio a Ezio Bosso. Tutti uomini, oltre appunto a Rula Jebreal, che ha così declinato l’invito.

“Con rammarico devo declinare l’invito, come scelta professionale non partecipo a nessun evento che non implementa la parità e l’inclusione”, ha scritto la giornalista commentando proprio su Twitter il post della trasmissione. Per Andrea Salerno, direttore di rete di La7, quanto avvenuto è “un grosso equivoco”, ma intanto la stessa Propaganda Live è corsa ai ripari, spiegando che saranno presenti anche gli ospiti fissi Constanze Reuscher, Francesca Schianchi, Marco Damilano e Paolo Celata, due uomini e due donne. Ma la gaffe è servita.