Coprifuoco, Speranza: “Pensiamo di abolirlo” e dice quando

0
90

Il ministro della Salute fa una rivelazione che riguarda il coprifuoco notturno in vigore tutte le sere dalle 22:00: Quando sparirà.

Roberto Speranza parla del coprifuoco
Roberto Speranza parla del coprifuoco Foto dal web

Coprifuoco, in tanti vogliono sopprimerlo, a cominciare dai ristoratori. Ma tanti altri esercenti e cittadini in generale sono della volontà di volere riportare normalità anche dopo le ore 22:00. E questa idea circola soprattutto tra i partiti di destra.

Leggi anche –> Denise Pipitone, l’avvocato della madre: “In tanti non parlano per paura”

Si è espresso in proposito il ministro della Salute, Roberto Speranza, per il quale “potrebbe essere verosimile pensare ad un piano di progressivo allentamento delle restrizioni di orario ad esso legate, per poi abolirlo del tutto”.

La parola chiave è sempre cautela. Niente verrà fatto dall’oggi al domani e questo è l’atteggiamento giusto, secondo il titolare del Dicastero della Salute. Lui stesso avrà una riunione importante con altri soggetti autorevoli in relazione alla gestione della pandemia.

E si parlerà anche del coprifuoco, che diversi rappresentanti del mondo scientifico hanno trovato utile soprattutto dal punto di vista psicologico. “Con esso in molti che pure si sono mostrati scettici verso la pandemia sono stati comunque restii a creare assembramenti”.

Leggi anche –> Francesco Nuti, la gravissima malattia: come sta oggi l’attore e regista

Coprifuoco, Speranza: “Pensiamo di abolirlo ma in maniera graduale”

E la gente è sempre rimasta a casa nelle ore notturne, facendo si che la circolazione del virus rallentasse in maniera importante in quella fascia della giornata. L’idea di Speranza in generale è quella di procedere con riaperture graduali, sempre tenendo in considerazione ciò che accade con la pandemia e restando prudenti.

Leggi anche –> Mara Venier ammette tutto: il messaggio per il marito Nicola Carraro

“Le misure intraprese in questi mesi e la responsabilità mostrata dalla maggior parte degli italiani, unitamente alla campagna vaccinale, ci stanno portando verso una importante nuova stagione”.

Il ministro ha parlato a margine della finale degli Internazionali d’Italia di Tennis svoltisi a Roma negli scorsi giorni e finiti oggi. Nel corso dell’evento si è riscontrata la presenza di pubblico dal vivo, in totale rispetto delle norme di sicurezza, con accessi limitati sugli spalti dei vari campi del Foro Italico.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Il torneo maschile ha visto il successo in finale di Rafa Nadal contro Novak Djokovic. Per lo spagnolo è la decima vittoria sulla terra battuta romana.

Foto dal web