domenica, Gennaio 29, 2023

Isabella De Bernardi, addio all’attrice di “Un sacco bello” FOTO

Si è spenta nelle scorse ore Isabella De Bernardi, che tutta Italia conobbe ad inizio anni ’80 al fianco di Carlo Verdone.

Isabella De Bernardi è morta
Isabella De Bernardi è morta Foto screenshot

È morta l’attrice Isabella De Bernardi, nota al pubblico italiano per la sua apparizione in “Un sacco bello” di Carlo Verdone. Il decesso è avvenuto a Roma – città dove era nata – nel corso delle scorse ore. Le è risultata fatale una malattia della quale soffriva da tempo.

Leggi anche –> Francesca Lodo: “Non sto molto bene”, l’ammissione su Instagram

Figlia di Piero De Bernardi, rinomato autore cinematografico noto per il sodalizio con Leo Benvenuti, Isabella De Bernardi venne al mondo il 12 luglio 1963. Fu notata proprio da Verdone e da questi scritturata per il suo film “Un sacco bello” del 1980. Lì la De Bernardi ricopriva il ruolo di Fiorenza, la fidanzata hippie dello stesso attore.

Seguirono altri quattro film, due dei quali ancora con Verdone (“Borotalco” del 1982 e “Il bambino e il poliziotto” del 1989). Poi “Il marchese del Grillo dell’81 e “Io so che tu sai che io so” dell’82, entrambi con Alberto Sordi.

Leggi anche –> Donnarumma Milan, è divorzio: Maldini ufficializza l’addio

Isabella De Bernardi, cosa ha fatto dopo il cinema

Ed Isabella De Bernardi approdò anche in televisione con il celebre telefilm cult “I Ragazzi della 3/a C) nel 1987. Ma proprio alla fine di questo decennio lei rinuncia alla carriera di attrice per intraprendere la posizione di direttrice artistica nell’ambito pubblicitario.

Leggi anche –> Ufficiale: Antonio Conte non è più l’allenatore dell’Inter: i motivi dell’addio

Ha lavorato per la agenzia “Young e Rubicam” in seguito al suo trasferimento a Milano, dove oltre 30 anni fa si sposò. Dal suo matrimonio sono nati poi due figli. In tanti la stanno ricordando con affetto sui social network.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Lei aveva destato grande simpatia ed affetto per la sua Fiorenza, che si esprimeva in uno spiccato accento romanesco. Ed incarnava in tutto e per tutto la filosofia dei “Figli dei Fiori” che ormai già da qualche anno era andata scemando.

Foto dal web

Può interessarti anche