mercoledì, Febbraio 1, 2023

Bonus prima casa, si parte il 24 giugno: cosa c’è da sapere

Bonus prima casa, si parte il 24 giugno: cosa c’è da sapere. Le domande per i giovani che non hanno ancora compiuto 36 anni e procedono all’acquisto della prima casa possono essere inoltrate

Le domande per i giovani che non hanno ancora compiuto 36 anni e procedono all’acquisto della prima casa possono essere inoltrate dal 24 giugno fino al 30 giugno 2022. Il decreto sostegni bis è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale. Le domande per ottenere il bonus prima casa per i giovani under 36 possano essere inviate dal 24 giugno fino al 30 giugno 2022. Il bonus prevede i seguenti sgravi per i cittadini under 35 che intendono comprare la prima casa.

Bonus prima casa, in cosa consiste

Gli atti d’acquisizione di case per uso abitativo, ad esclusione di quelle di  lusso e gli atti traslativi o costitutivi della nuda proprietà, dell’usufrutto, dell’uso e dell’abitazione a favore di soggetti under 36 potranno ottenere le seguenti agevolazioni:

Leggi anche > Vaccini, da Nord a Sud ecco cosa accade

  1.  Esenzione dall’imposta di registro e dalle imposte ipotecaria e castale.
  2. Onorari notarili ridotti alla metà.
  3. Per gli atti soggetti ad IVA è attribuito agli acquirenti un credito d’imposta di ammontare pari all’IVA corrisposta  che può essere usato in compensazione di imposte di registro, ipotecaria, catastale, sulle successioni e donazioni dovute sugli atti e sulle denunce presentati dopo la data di acquisizione del credito, ovvero può essere utilizzato in diminuzione delle imposte sui redditi delle persone fisiche
  4. I finanziamenti erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione di immobili ad uso abitativo sono esenti dall’imposta sostitutiva delle imposte di registro, di bollo, ipotecarie e catastali e delle tasse sulle concessioni governative.

Leggi anche > Allegri, è fatta alla Juve

Il provvedimento si affianca ad altri bonus e aiuti alle famiglie per la casa e non solo. Dalle ristrutturazioni, all’assegno unico, proveniente dal governo precedente, fino agli aiuti per bollette, affitti e buoni spesa, nei casi più difficili.


Può interessarti anche