Auto elettriche, che fine fanno le batterie? L’Innovazione

0
202

Ma le batterie che fine fanno? Dove finiscono, quando la loro capacità non assicura più un’autonomia decente all’auto?

Negli ultimi anni si sta assistendo anche in Italia a una crescita di auto elettriche o ibride in vendita. La spinta è arrivata dai governi statali che hanno incentivato e continuano a incentivare l’acquisto di veicoli elettrici o ibridi. Il tutto per combattere il fenomeno del cambiamento climatico che ormai sta provocando conseguenze nella vita dell’uomo. Cambiare il clima, infatti, comporta una modifica dell’ecosistema con conseguenze per flora e fauna, senza considerare poi l’inquinamento. Gli scienziati da tempo sostengono con degli studi e ricerche che il mondo è già in ritardo. Si iniziano a vedere ora i primi segnali di cambiamento ed ecco che dai governi arrivano accelerate nella direzione della lotta al cambiamento climatico.

Auto elettriche, che fine fanno le batterie esauste

Tuttavia, in tanti si chiedono, spesso, che fine fanno le batterie delle auto elettriche. La diffusione di questi veicoli, infatti, provoca un consumo estremamente maggiore rispetto a quello dei veicoli a combustione diffusi nella società moderna fino ad oggi. La risposta al quesito si legge si vaielettrico.it che pubblica la posizione di una casa costruttrice, la Skoda, del gruppo tedesco Volkswagen.

Leggi anche > Sarri a un passo dalla Lazio

Queste ultime, infatti, una volta smontate dalle auto, vengono riutilizzate come accumulatori di energia fissi: “Per questo è stata avviata una collaborazione con l’azienda tech IBG Česko, per creare un innovativo sistema che può stoccare fino a 328 kWh di energia. Fornendo ai concessionari Skoda una fornitura di energia più flessibileIl dispositivo, secondo la Skoda, permette una ricarica più rapida e flessibile delle auto elettriche. E consente ai concessionari di utilizzare l’elettricità immagazzinata per l’illuminazione e l’aria condizionata nei loro showroom e officine”.

Leggi anche > Bonus prima casa, si parte il 24 giugno

Un modo intelligente per riutilizzare le batterie esauste delle auto e risparmiare energia nello stesso tempo.