Rino Gaetano aveva previsto la sua morte in una canzone – VIDEO

0
517

Il cantautore Rino Gaetano aveva previsto la sua morte in una canzone: il video del brano che racconta le sue ultime ore.

Il 2 giugno 1981, esattamente 40 anni fa, ci lasciava uno dei cantautori italiani più amati ancora oggi dal pubblico. Infatti, a soli 31 anni ancora da compiere e in circostanze drammatiche veniva a mancare Rino Gaetano. Il cantautore crotonese ha scritto pagine incredibili della storia della musica leggera italiana: il successo arrivò però soltanto pochi anni prima della morte.

Leggi anche –> Rino Gaetano ucciso dai servizi segreti: la tesi sulla morte del cantante

Solo nel 1978 e dopo una lunga gavetta infatti il cantautore arrivò al Festival di Sanremo, portando in gara la sua canzone forse più celebre, senza dubbio la più cantata: Gianna. Dopo l’esperienza sanremese, per il cantautore calabrese si aprirono le porte di un successo clamoroso e per certi versi in qualche modo inatteso.

Leggi anche –> Ragazza uccisa, l’assassino: “Non mi piaceva come mi guardava”

La morte di Rino Gaetano e quella canzone scritta 10 anni prima

Un successo che si interruppe bruscamente e nel peggiore dei modi, nella notte tra l’1 e il 2 giugno 1981. Ancora oggi, la morte di Rino Gaetano fa discutere, con teorie del complotto e soprattutto a causa dei ritardi incredibili e inconcepibili nei soccorsi. Erano circa le quattro del mattino quando sulla Nomentana la sua auto iniziò a zigzagare come impazzita. La corsa finì contro un camion guidato da un uomo, il quale sostenne di aver notato che il cantautore si sarebbe accasciato in auto.

Le condizioni parvero subito molto gravi e il cantautore calabrese fu trasferito al Policlinico Umberto I, dove però non vi erano posti disponibili. Vennero contattati diversi altri ospedali, ma tutti rifiutarono il ricovero. Soltanto al Gemelli, alla fine, fu permesso di portare il cantautore. Questi però morì intorno alle sei del mattino, subito dopo l’arrivo in nosocomio. Non mancarono le polemiche sul mancato ricovero, con tanto di inchiesta e interrogazione parlamentare. Una vicenda simile alla sua Rino Gaetano l’aveva raccontata ben 10 anni prima nel brano “Quando Renzo morì io ero al bar” o “La ballata di Renzo”.