AstraZeneca, l’Aifa: “No per casi di trombosi dopo la prima dose”

0
1307

Arriva un avvertimento importante da parte dell’Aifa, che riguarda il vaccino AstraZeneca. La situazione è da non sottovalutare e merita un ampio approfondimento in proposito.

Vaccino AstraZeneca
Vaccino AstraZeneca FOTO Getty Images

Da parte dell’Aifa arriva una precisa raccomandazione che riguarda il vaccino AstraZeneca. L’Agenzia Italiana del Farmaco si rivolge a chi ha avuto dei problemi in seguito alla prima dose ricevuta.

Leggi anche –> Investito e ucciso, operaio muore al lavoro in autostrada

Ed in particolare l’avvertenza è di evitare il richiamo con lo stesso ritrovato di AstraZeneca se dopo la prima somministrazione sono sorti casi di “trombosi in combinazione con trombocitopenia”.

L’Aifa parla di vaccino “controindicato” in tale situazione. In relazione al ciò, una informativa rende noto che gli operatori sanitari devono prendere visione di quelle che sono le linee guida da applicare di situazione in situazione per individuare questa particolare condizione e per trattarla.

E sempre l’Aifa aggiunge che persone che hanno avuto problematiche da trombocitopenia entro 3 settimane dalla vaccinazione con Vaxzevria vanno valutati attentamente. Le persone eventualmente interessate sono tutte di età superiore ai 18 anni.

Leggi anche –> Omicidio suicidio, scoperta orribile: suocero e nuora trovati morti

AstraZeneca, le avvertenze urgenti dell’AIFA

Si sono anche avute situazioni di trombisi e di trombocitopenia combinate, con pure perdite di sangue. Situazioni che contemplano trombosi venosa, trombosi cerebrale dei seni venosi e quella di tipo splancnico o arterioso.

Leggi anche –> Denise Pipitone, troupe aggredita. Frazzitta: “In 7 sanno tutto”

Quanto descritto ha causato anche delle vittime ed i soggetti più colpiti sono stati donne con età inferiore ai 60 anni. Per i vaccinati con AstraZeneca soggetti a quanto descritto è obbligatorio consultare un medico in caso di comparsa cronica di respiro affannato, gambe gonfie, dolore al petto, all’addome o alle gambe in seguito alla prima vaccinazione.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Lo stesso vale per chi è colpito da mal di testa, vista annebbiata, convulsioni od altre reazioni importanti e sempre croniche. Sarà importante specificare il nome del vaccini e tutti i dettagli di interesse del lotto al quale ci si è sottoposti.

FOTO Getty Images