Roland Garros: Musetti vince il derby con Cecchinato, ora gli ottavi

0
450

Terzo turno del Roland Garros: Lorenzo Musetti batte Marco Cecchinato nel derby, ora gli ottavi, un risultato storico.

(Clive Brunskill/Getty Images)

19 anni, tre mesi e due giorni: questa è l’età di Lorenzo Musetti, il primo italiano a raggiungere gli ottavi di finale del Roland Garros. Il 19enne di Carrara ha infatti vinto il derby contro Marco Cecchinato e guadagnerà al termine di questa esperienza sulla terra rossa parigina sicuramente molte posizioni in classifica.

Leggi anche —> Marco Cecchinato, chi è il tennista italiano: età, carriera, foto

Un record quello di Musetti: soltanto un italiano ha fatto meglio di lui e stiamo parlando di Jannik Sinner. L’altoatesino, infatti, conserverà il record del più giovane azzurro ad aver raggiunto gli ottavi di finale in una prova del Grande Slam. Aveva 19 anni, 1 mese, 19 giorni quando conquistò questo traguardo.

Leggi anche -> Lorenzo Musetti, chi è il tennista italiano: età, carriera, foto

Lorenzo Musetti avanza: battuto Marco Cecchinato, la prossima prova è Djokovic?

(Julian Finney/Getty Images)

L’anno scorso, infatti, Jannik Sinner raggiunse addirittura i quarti di finale al Roland Garros: il giovane altoatesino, a quanto pare, su questo terreno si trova a suo agio, come dimostrano i primi due turni quest’anno. In questo momento, è in campo contro Mikael Ymer, mentre nel tardo pomeriggio toccherà a Matteo Berrettini affrontare il sudcoreano Soonwoo Kwon, finora abbastanza sorprendente in questo torneo.

Intanto però Lorenzo Musetti si gode l’accesso agli ottavi di finale: battuto un Marco Cecchinato che comunque è in un buon periodo di forma ed è avanzato in una sola settimana di oltre venti posizioni in classifica ATP. Tre ore e dieci di battaglia e cinque set hanno consegnato al giovane carrarese il derby azzurro più importante e la possibilità di giocare appunto il suo primo ottavo di finale di un torneo del Grande Slam. Nel prossimo turno, affronterà il vincente del match tra Djokovic e Berankis.