Cristiana Ciacci, figlia di Little Tony: “Papà non accettava la mia malattia”

0
754

La vita privata di Cristiana Ciacci, figlia di Little Tony, e la sua battaglia contro l’anoressia: “Papà non accettava la mia malattia”.

(screenshot video)

Classe 1974, Cristiana Ciacci è in questi giorni ospite in diverse trasmissioni televisive per ricordare suo padre, Little Tony, scomparso sette anni fa. Un rapporto, quello con il genitore famoso, che non è sempre stato semplice. Infatti, tra i due ci furono contrasti legati soprattutto al fatto che il cantante non accettava la malattia della figlia.

Leggi anche–> Cristiano Malgioglio e la lotta al cancro: è davvero un “miracolato”

Qualche tempo fa, a Storie Italiane, infatti, Cristiana Ciacci per la prima volta aveva confessato di aver lottato contro l’anoressia, un male invisibile, e che Little Tony non avrebbe mai voluto accettare questa malattia. “Avrebbe voluto che fossi cittadina del mondo, libera e felice”, ha infatti raccontato la cantante in diretta tv.

Leggi anche–> Malattia Little Tony, cos’aveva e perché l’ha tenuta nascosta

Cristiana Ciacci e il rapporto con suo padre Little Tony

Poi aveva aggiunto: “Lui vedeva la mia vita come fosse sprecata per come la intendeva lui, voleva divertimento e poche responsabilità”. Sull’anoressia e su come tutto sarebbe nato, ha raccontato ancora: “Forse una predisposizione c’è, dalle radici della solitudine e dalla sofferenza, la dieta è solo un motivo scatenante. Volevo perdere pochi chili e poi ho perso il controllo, il cibo era un pensiero costante tutto il giorno e più riuscivo a evitarlo e più ero soddisfatta”.

Cristiana Ciacci, che oggi è ospite di ‘Oggi è un altro giorno’, ha partecipato anche a Domenica In, raccontando il malessere di non poter essere più figlia. Ha sottolineato: “Ho cinque figli meravigliosi, ma mi manca poter ricevere una telefonata in cui una mamma o un papà ti chiede ‘come stai, che ti è successo, racconta. sono orgoglioso di te'”. La donna infatti oltre ad aver perso il padre è rimasta orfana di madre a 19 anni.