Alberto Sordi, l’amicizia con Paola Comin: “Una volta mi rivelò…”

0
394

L’attore Alberto Sordi e la sua vita privata, l’amicizia con Paola Comin: “Una volta mi rivelò…”, ecco i dettagli inediti.

(screenshot video)

Omaggio ad Alberto Sordi nel 101esimo anniversario dalla sua nascita oggi nel corso della trasmissione ‘Oggi è un altro giorno’, condotta su Raiuno da Serena Bortone. Ospite del salotto televisivo della prima rete nazionale c’è una manager dello spettacolo molto nota, ovvero Paola Comin. La donna ha condiviso con il famoso attore gli ultimi anni di vita e si è lasciata andare ad alcuni aneddoti.

Leggi anche –> Isabella De Bernardi, addio all’attrice di “Un sacco bello” FOTO

La collaboratrice di Sordi, in un’intervista di qualche tempo fa, ha confessato a Dagospia: “Ho amato in maniera incondizionata il Maestro e non ho altro interesse che difendere le sue volontà e la sua memoria, che venero”. Oltre che con il noto attore italiano, la donna ha collaborato curando l’ufficio stampa anche con altri grandi attori del nostro cinema, tra cui Stefania Sandrelli e Lino Banfi.

Leggi anche –> Bobby Solo, il dramma del figlio Alain nel tunnel della droga: come sta oggi

Paola Comin e l’aneddoto sulla vita di Alberto Sordi

Nel corso dell’omaggio televisivo al grande attore romano, si è ricordato anche che questi non ha mai voluto sposarsi. Paola Comin ha spiegato che una volta, mentre erano in macchina, suo marito chiese al noto attore il perché non si fosse sposato e lui rispose che avrebbe dovuto sposare “un’estranea”. Scherzava l’attore: “Che ne sa cosa può farmi la notte, approfittandone che sto dormendo”.

Ma la verità, secondo la sua addetta stampa, è diversa: “Una volta mi disse, mi piace farle bene le cose, se mi fossi sposato avrei voluto essere un buon marito non era possibile col mio lavoro, troppe tentazioni”. In studio era presente anche Ornella Muti, mentre Massimo Cannoletta, il ‘tuttologo’ del programma tv, ha ricordato del sodalizio artistico con Monica Vitti e della scena della lite in spiaggia di ‘Amore mio, aiutami’. La controfigura dell’attrice era una allora ancora sconosciuta Fiorella Mannoia.