Tottenham, i tifosi dicono no a Gattuso: “Omofobo e razzista”

0
565

Campagna degli ultras del Tottenham, i tifosi dicono no a Gattuso: “Omofobo e razzista”, e ripescano frasi addirittura del 2008.

(Francesco Pecoraro/Getty Images)

Non è sicuramente un bel periodo per l’allenatore Gennaro Gattuso, ex centrocampista del Milan. Dopo essere stato esonerato dal Napoli, avrebbe dovuto sedere sulla panchina della Fiorentina, ma il rapporto con i Viola è finito appena prima di iniziare. Adesso per Ringhio si stava affacciando l’ipotesi di sedere sulla panchina del Tottenham. Ma anche in questo caso non sta filando tutto liscio, anzi il contrario.

Leggi anche –> Eriksen sarà dimesso dall’ospedale: nuovi esami tra qualche settimana

I tifosi degli Spurs, infatti, hanno avviato una vera e propria campagna ‘No to Gattuso’, sottolineando come in passato l’ex allenatore di Milan e Napoli avrebbe fatto delle affermazioni omofobe e razziste. Addirittura vengono ripescate delle affermazioni di quanto Gattuso era ancora un calciatore e militava nei Rangers e nella nazionale italiana.

Leggi anche –> Addio a Giampiero Boniperti, la bandiera della Juventus è morta nella notte

Le accuse a Gattuso da parte dei tifosi del Tottenham, che non lo vogliono in panchina

Rino Gattuso

“Il matrimonio in chiesa dovrebbe essere tra un uomo e una donna, anche se questo è il 2008 e tutti possono fare come vogliono”, disse in un’intervista dell’epoca Gennaro Gattuso, sostenendo di credere “nell’istituzione della famiglia sin da quando ero un bambino”, per cui un matrimonio tra persone dello stesso sesso “è molto strano”. Facendo riferimento alle parole dell’ex calciatore, qualcuno ha evidenziato: “Avevo l’impressione che il mio club fosse uno che sosteneva e difendeva le donne, le vite dei neri e le persone LGBTQ+”.

Insomma, i tifosi del Tottenham ricordano queste affermazioni e ci mettono dentro anche altro, tirando in ballo appunto anche il razzismo. Si ricordano ad esempio alcune frasi pronunciate nel 2013 quando Kevin-Prince Boateng uscì dal campo dopo i cori razzisti di una parte dei tifosi di Pro Patria. Secondo Gattuso, “quello che è successo ieri è stata colpa di un gruppo di imbecilli”. Poi aveva aggiunto: “Quante volte ci sono stati fischi contro i giocatori bianchi in passato? A me è capitato, ma non gli ho dato alcuna importanza”. Anche uno dei fan più famosi degli Spurs, il rapper AJ Tracey, ha condiviso l’hashtag “NoToGattuso”.