Bimba muore dopo aver mangiato cereali avvelenati a una festa

0
615

Choc in Canada, Bimba muore dopo aver mangiato cereali avvelenati a una festa: atto premeditato, un uomo in carcere.

Le autorità canadesi hanno detto che una bambina morta nei mesi scorsi aveva mangiato cereali avvelenati e l’uomo ritenuto responsabile è ora in custodia in carcere. Bernice Nantanda Wamala è morta appena una settimana dopo il suo terzo compleanno dopo che sua madre l’ha portata di corsa in ospedale dopo un pigiama party a casa di un’amica.

Leggi anche –> Ragazzo morto, lo trovano così nel letto a 15 anni: “È Covid”

La donna non riusciva a capire cosa fosse accaduto alla bambina, che ha improvvisamente accusato un malore. Sia Wamala che la sua amichetta hanno avuto gravi reazioni dopo aver mangiato i cereali per la colazione. A distanza di diverse settimane, è emerso ciò che è accaduto. Un episodio che ha gettato nello sconforto e sconvolto un’intera comunità.

Leggi anche –> Incidente stradale in moto, si schianta in città a 21 anni e muore

Morta avvelenata dopo aver mangiato cereali: il dramma di una bimba

La piccola Bernice iniziò a vomitare e aveva difficoltà a respirare. La madre di Bernice, Maurine Mirembe, stava cercando di capire cosa fosse successo quando ha parlato con CTV News al momento dell’avvelenamento e la polizia ha fornite alcune risposte nelle scorse ore. “Lo scorso fine settimana Francis Ngugi, 45 anni di Toronto, è stato arrestato con due capi di imputazione per somministrazione di una sostanza nociva”, ha detto l’agente di polizia di Toronto Jenifferjit Sidhu.

Quindi ha aggiunto che l’uomo avrebbe “causato illegalmente lesioni personali”, queste a loro volta avrebbero causato la morte della bambina. La polizia ha detto che entrambe le ragazze che hanno mangiato i cereali avevano familiarità con Ngugi. Non è però chiaro né il rapporto che avrebbero né tantomeno la sostanza usata per avvelenare le bambine. Dopo aver appreso dell’arresto, Mirembe ha detto a CTV News che sta pregando per avere giustizia. Sembra che l’uomo si sia procurato la sostanza tossica sul posto di lavoro.