Bonus 1600 euro ai lavoratori stagionali, la data di pagamento

0
176

Bonus 1600 euro ai lavoratori stagionali, ecco la data di pagamento dell’Inps: i primi accrediti già partiti da alcuni giorni

Una buona notizia per i lavoratori stagionali che attendono i bonus. Per il pagamento del sostegno di 1600 euro sono arrivate le date di accredito. I primi accrediti da parte dell’Inps, infatti, hanno avuto inizio venerdì 18 giugno, mentre per gli altri si procederà da lunedì 21 giugno fino al termine della settimana. Il sussidio in questione interessa coloro che già avevano usufruito dei 2400 euro di indennità legati al primo dl Sostegni risalente a marzo. Il bonus 1600 euro verrà concesso una tantum ed avverrà in maniera automatica, stando alle indicazioni attuali. Verrà erogato per l’appunto a chi già era stato aiutato con il precedente provvedimento. Ma saranno inclusi anche coloro che, dal 1° gennaio 2019 in poi, hanno perso il lavoro e risultano quindi ancora disoccupati da allora.

Bonus 1600 euro, a chi spettano

Sono poi coinvolti pure i lavoratori stagionali del settore del turismo e di stabilimenti termali, a patto che dimostrino di avere prestato servizio per almeno 30 giornate dal 1° gennaio 2019 in avanti. Prerequisiti fondamentali per avere il bonus 1600 euro sono il non dovere avere un contratto di lavoro dipendente in corso e non bisogna neppure beneficiare di alcun altro tipo di indennità Naspi o di pensione di qualsiasi tipo.

Leggi anche > Italia in bianco, da oggi una provincia senza mascherine

Inoltre occorre avere perso il lavoro in maniera non dipendente da sé stessi. Sono poi inclusi anche lavoratori intermittenti e di altre categorie. Così come i soggetti autonomi sprovvisti di partita Iva ed iscritti alla Gestione Separata Inps che abbiano dichiarato almeno una mensilità.

Leggi anche > Whatsapp, l’ultima novità

I quali però non devono avere disposto di alcun contratto di qualunque tipo dal 1° gennaio 2019. Ancora, l’indennità in questione spetta anche ai venditori a domicilio con meno di 5mila euro di reddito nel 2019 e dotati di partita Iva oltre che iscritti alla Gestione Separata dell’Inps. Inoltre il bonus spetterà anche ai lavoratori di spettacolo e sport.