Miriam Segato, due fermi per la morte della giovane a Parigi

0
416

Svolta nel caso dell’incidente choc di cui fu vittima Miriam Segato, due fermi per la morte della giovane a Parigi.

Miriam Segato

C’è un’importante novità che riguarda la morte di una giovane italiana di 31 anni, Miriam Segato. Ormai 10 giorni fa, la ragazza è stata travolta lunedì da un monopattino elettrico, a quai de la Mégisserie: sul mezzo c’erano due ragazze. Queste non si sono fermate ma hanno continuato la loro corsa. Qualche giorno dopo, la drammatica notizia del decesso della giovane donna.

Leggi anche –> Miriam Segato, il dramma della giovane italiana morta a Parigi

Nelle scorse ore, sono state fermate e vengono ora interrogate le due donne che sono ritenute responsabili di quel gravissimo incidente mortale. Secondo una fonte a conoscenza della vicenda, le due giovani donne sono infermiere e hanno circa 25 anni. Attualmente in stato di fermo della polizia, “potrebbero restarci 48 ore prima di essere presentate al magistrato”.

Leggi anche –> Asia Argento, l’uso smodato di droghe e l’amore per le donne

Il caso di Miriam Segato: morte tremenda per la giovane italiana a Parigi

Miriam Segato

Potrebbero affrontare l’accusa di omicidio colposo da parte di un veicolo a motore terrestre aggravato da un incidente stradale. Si ritiene che le due donne abbiano investito fatalmente Miriam, 31 anni, mentre passeggiava con un’amica nel cuore di Parigi. L’incidente è avvenuto poco dopo la mezzanotte del 14 giugno, in un vicolo pedonale lungo la Senna, dove si erano radunate una cinquantina di persone. Anche Miriam Segato si trovava lì insieme ad alcune colleghe e amiche.

La vittima, nata a Roma e residente a Parigi, è morta per le ferite riportate, era stata trasportata in ospedale in condizioni molto gravi e con prognosi in pericolo di vita. Le prime prove suggeriscono che la sera della tragedia le due persone che l’hanno investita fossero ubriache. In questi giorni, dopo questo drammatico incidente mortale, in Francia è aperto il dibattito sulla pericolosità di questi mezzi.