Lutto nel cinema: morta Clare Peploe, regista e vedova di Bertolucci

0
599

Un gravissimo lutto nel cinema internazionale: morta Clare Peploe, regista e vedova di Bertolucci, collaborò anche con Antonioni.

(Vince Bucci/Getty Images)

È morta Clare Peploe, la regista e sceneggiatrice che aveva sposato nel 1979 il regista Bernardo Bertolucci. La cineasta, che tra gli altri aveva contribuito alla sceneggiature di Zabriskie Point, regia di Michelangelo Antonioni, e dei due film del marito La luna e L’assedio, aveva 79 anni. Spesso aveva collaborato con il marito.

Leggi anche –> Lutto nel wrestling: Melissa Coates è morta, addio alla star della WWE

I due si erano sposati nel 1979 e lei era rimasta al fianco del marito fino alla morte, avvenuta il 26 novembre 2018 a Roma, dopo una lunga malattia. Regista del cortometraggio Couples and Robbers, con cui aveva esordito nel 1981, aveva realizzato anche alcuni lungometraggi, con alterne fortune. Tra questi c’è Alta Stagione, uscito nel 1987.

Leggi anche –> Attrice suicida, tragedia al teatro Bellini di Napoli: aveva 22 anni

Cosa sapere della carriera della compianta Clare Peploe

(Franco Origlia/Getty Images)

Successivamente, nel 1995, aveva girato Miss Magic, mentre è del 2001 la sua pellicola Il trionfo dell’amore. Interpretato da Bridget Fonda e Russell Crowe, il film Miss Magic ottenne un importante riscontro in termini di pubblico e critica. Invece Il trionfo dell’amore, protagonisti Mira Sorvino e Ben Kingsley, è ispirato a una commedia di Marivaux del ‘700 e vede tra i produttori e cosceneggiatori per l’appunto Bernardo Bertolucci.

Nata nel 1942 a Dar es Salaam, in Tanzania, da genitori inglesi, Clare Peploe è cresciuta tra Inghilterra e Italia, quindi ha iniziato a interessarsi al cinema e all’arte fin da giovane, studiando prima alla Sorbona di Parigi e poi all’Università di Perugia. I suoi esordi furono proprio come giovanissima aiuto regista a cavallo della prima metà degli anni Settanta, in due pietre miliari del nostro cinema, il già citato Zabriskie Point, regia di Michelangelo Antonioni, e Novecento di Bernardo Bertolucci.