Germania, diversi feriti nell’attentato di Würzburg: “Almeno 3 morti”

0
618

Paura in Germania, diversi feriti nell’attentato di Würzburg, un uomo accoltella passanti a caso: “Almeno 3 morti”.

(screenshot video)

Diverse persone sono rimaste ferite in un attentato che ha avuto luogo nella città di Würzburg, in Baviera, a circa 120 chilometri, a est di Francoforte. Lo ha detto la polizia pochi minuti fa. I media locali hanno riferito di più accoltellamenti. In questi minuti, sono diversi i social network che diffondono le immagini dell’uomo che ha compiuto l’agguato ai danni di persone a quanto pare prese a caso tra la folla.

Leggi anche –> Ragazza morta, a 16 anni passeggia su un lucernario: è tragedia

Secondo la polizia, è in corso un’indagine e parti del centro della città sono state chiuse al pubblico, di fronte al rischio di un nuovo agguato. Tuttavia, non c’è più alcun pericolo per la popolazione, ha aggiunto la polizia. Infatti, poco dopo che l’allarme è scattato è stato riferito che l’attentatore sarebbe stato bloccato dalle forze di polizia.

Leggi anche –> Saman Abbas, corpo ritrovato? Si scava in un punto preciso

Attentato di Würzburg: il precedente del 2016

Nella cittadina bavarese, dunque, a distanza di poco meno di cinque anni torna il terrore per un attacco gravissimo, sebbene compiuto da una persona isolata. Il 18 luglio 2016, infatti, il richiedente asilo pakistano Riaz Khan Ahmadzai ha aggredito e ferito quattro persone, due in modo grave, su un treno vicino a Würzburg in Germania. L’uomo successivamente aveva ferito una quarta persona, quindi era stato messo in condizioni di non nuocere dalle forze dell’ordine, che lo avevano ucciso.

L’aggressore era un richiedente asilo di 17 anni, armato di coltello e ascia. L’ufficio statale per le indagini penali lo ha definito un attacco terroristico con un movente religioso islamista. Infatti, il ragazzo che ha compiuto quel grave attacco, secondo quanto è risultato in seguito, era in contatto con un sospetto membro dello Stato Islamico e gli era stato originariamente chiesto di guidare un’auto in mezzo a una folla di persone. Il giovane, invece, non aveva la patente, da qui la scelta di aggredire persone a caso in un treno.