Saman Abbas, corpo ritrovato? Si scava in un punto preciso

0
1396

Potrebbe essere stato ritrovato ciò che resta del corpo di Saman Abbas: ora si scava in un punto preciso vicino le serre.

Ci sono delle novità sul caso della scomparsa di Saman Abbas, la 18enne di origini pakistane residente a Novellara, in provincia di Reggio Emilia. Dopo che da due mesi non si hanno notizie della ragazza e che da settimane sono finiti sotto accusa i suoi familiari, oggi è il giorno della possibile svolta. Si starebbe infatti cercando il corpo.

Leggi anche –> Saman Abbas, 5 indagati: riconosciuti nel video due cugini della ragazza

A quanto pare, infatti, si sarebbe scavando in un’area ben determinata, grazie al fiuto di alcuni cani della Human Remains Detection della Detection Dogs Ticino. Si tratta di una zona abbastanza circoscritta nei pressi dell’azienda agricola Le Valli. Il quadro di quanto sta accadendo in questo momento non è ancora del tutto chiaro.

Leggi anche –> Saman Abbas, il fratello: “Mio zio mi disse di averla uccisa”

Il corpo di Saman Abbas: si scava e si cerca ancora

Come noto, Saman Abbas, una ragazza di origini pakistane ma sembra ben integrata nella comunità in cui viveva, sarebbe stata costretta dalla famiglia a un matrimonio combinato. Lei però avrebbe rifiutato e stando al racconto del fratello minore, per tale ragione sarebbe stata letteralmente condannata a morte dai suoi stessi familiari. L’esecutore materiale del delitto, stando sempre al fratello della giovane che ha rotto il silenzio omertoso del resto della famiglia, potrebbe essere stato lo zio.

Cinque sono le persone iscritte nel registro degli indagati per la morte della ragazza: sono i genitori, uno zio e due cugini, uno dei quali si trova nel carcere di Reggio Emilia. Per tutti loro, l’accusa è di omicidio. L’elettromagnetometro avrebbe dato alcuni riscontri in una ventina di punti e grazie a questo, è stato ristretto il raggio d’azione entro il quale cercare, sperando di poter trovare i resti della giovane uccisa. Le prime ricerche hanno dato esito negativo, ma si continua a cercare. Le unità svizzere lavoreranno comunque per tutta la giornata di oggi e fino a domenica su tutta l’area. Alcune delle serre sono quelle che vengono perlustrate con la maggiore attenzione.