Mattia Michieletto, il giovane cuoco morto dopo un grave malore

0
798

Il lutto e il dolore per il decesso a soli 23 anni di Mattia Michieletto, il giovane cuoco morto dopo un grave malore.

Grande dolore e sconcerto a Zero Branco, in provincia di Treviso, per il decesso di Mattia Michieletto, il giovane cuoco di 23 anni che ha perso la vita nella notte tra martedì e mercoledì. Il ragazzo si era sentito male in casa giovedì ed era stato portato in ospedale. Qui era rimasto ricoverato per cinque giorni ed erano stati fatti tutti gli accertamenti.

Leggi anche –> Germania, diversi feriti nell’attentato di Würzburg: “Almeno 3 morti”

Tornato a casa, il ragazzo era deceduto nel cuore della notte: inutile la nuova corsa in ospedale: per lui non c’era davvero più niente da fare. Mattia era figlio del presidente della Polisportiva locale e la sua famiglia era molto conosciuta: lavorava come cuoco all’Osteria La Pasina di Dosson di Casier. Il dramma ha colpito tutta la comunità.

Leggi anche –> Saman Abbas, corpo ritrovato? Si scava in un punto preciso

Dolore e cordoglio per la morte del giovane cuoco Mattia Michieletto

Una giovane vita spezzata in maniera così prematura e drammatica: “C’è troppo dolore in questo momento per ripensare a quello che è accaduto”, sono state le parole di suo papà Mario a un quotidiano locale. Appassionato di musica e innamorato del suo lavoro, Mattia Michieletto viene ricordato dal suo papà come “una persona buona”. Oltre ai suoi genitori, lascia anche la sorella maggiore. Non è ancora chiaro invece quando si terranno i funerali del ragazzo.

Non è da escludere che i familiari richiedano che venga disposta l’autopsia sul corpo del loro caro, proprio per fugare eventuali dubbi su cosa possa essere accaduto. La morte del giovane, infatti, è stata drammatica e repentina ed è evidente che i familiari in queste circostanze vogliano avere delle risposte. Intanto, si sono chiusi nel silenzio del loro dolore, mentre l’intero paese si è stretto attorno a loro. Tra questi, in primis, il sindaco di Zero Branco Luca Durighettom che ha manifestato vicinanza, così come grande vicinanza e cordoglio arrivano dalla Polisportiva locale e dall’osteria dove il giovane aveva ripreso a lavorare da poco, dopo la pausa forzata legata alle chiusure messe in atto per contenere il Covid.

ragazza precipitata Milano