Schianto in galleria a Iseo: morti due giovani, chi sono le vittime

0
571

Tragico schianto in galleria a Iseo: morti due giovani, rispettivamente di 27 e 29 anni, chi sono le vittime, quattro feriti.

(foto Vigili del fuoco)

Un drammatico schianto è avvenuto nella notte tra venerdì 25 e sabato 26 giugno in una galleria nel territorio comunale di Iseo. Lo scontro mortale ha coinvolto un’autovettura che viaggiava in direzione di Brescia e un furgone, che avanzava in direzione opposta. Il drammatico schianto è stato praticamente un frontale e il bilancio è gravissimo.

Leggi anche –> Germania, diversi feriti nell’attentato di Würzburg: “Almeno 3 morti”

Infatti, stando alle prime informazioni, sono morti due giovani, mentre altre quattro persone sono rimaste ferite, sembra tutte in maniera molto grave. Otto in tutto sono le persone che sono rimaste coinvolte in questo gravissimo incidente stradale avvenuto nella notte e viaggiavano a bordo di una Seat e di un furgone, che sono andati completamente distrutti.

Leggi anche –> Saman Abbas, corpo ritrovato? Si scava in un punto preciso

Chi sono le vittime dello schianto in galleria a Iseo

Le due persone che purtroppo hanno perso la vita intorno alla mezzanotte passata sulla Sp XI sono davvero molto giovani. Si tratta di una ragazza di 27 anni e un ragazzo di 29. Entrambi si trovavano a bordo della Seat che si è schiantata frontalmente contro un furgone. Non ci sono al momento aggiornamenti sulla loro identità. Sono praticamente morti sul colpo: i soccorritori non hanno potuto fare nulla per loro al loro arrivo.

Sul luogo del drammatico incidente, inolter, sono intervenuti la Polizia stradale di Brescia, insieme coi Vigili del fuoco di Brescia che hanno dovuto estrarre dalle lamiere contorte i corpi delle persone coinvolte. Sul posto inoltre sono arrivate quattro ambulanze e un elisoccorso. Le persone ferite con gravità differenti sono state infine trasportate in diversi nosocomi della zona. In particolare, sono ora ricoverate a Brescia, agli Spedali Civili e a Bergamo, all’ospedale Papa Giovanni XIII. Agli inquirenti spetta indagare per capire cosa sia accaduto.