Neonata di 5 mesi con sacco di plastica in testa, la scoperta della mamma

0
552

Una donna ha rinvenuto la propria figlioletta neonata nata ad inizio 2021 con una busta a cingerle il capo. Indaga la Procura su questo fatto.

Neonata in gravi condizioni in ospedale
Neonata in gravi condizioni in ospedale Foto dal web

La procura di Sassari ha aperto una inchiesta ufficiale sul caso di una neonata che rischia la vita. La piccola ha solamente 5 mesi e la madre l’ha trovata in circostanze tremende.

Leggi anche –> Male incurabile, i dolori allo stomaco nascondono l’orrore

Ciò che è peggio è che la donna ha fatto sapere di avere notato sulla sua figlioletta un sacchetto di plastica che le circondava la testa.

Adesso la piccina risulta ricoverata all’ospedale pediatrico “Gaslini” di Genova. Le sue condizioni sono ritenute estremamente gravi, tanto che risulta lottare tra la vita e la morte. La piccola ha rischiato il soffocamento, con questa vicenda che risale ad alcuni giorni fa.

Di questo episodio drammatico ha parlato anche il quotidiano “La Nuova Sardegna”. In base a quanto ricostruito da parte delle forze dell’ordine, tra le dinamiche certe c’è che la piccina si trovava sopra al suo lettino quando la mamma l’ha raggiunta per accudirla.

Leggi anche –> Vaccino, “con Pfizer e Moderna gli anticorpi potrebbero durano anni”

Neonata con sacchetto in testa, indagati i genitori

Ma lì ecco emergere la tremenda scoperta, con la donna che ha subito rimosso la busta di plastica dal capo della neonata. E poi ha cercato di rianimarla, mentre il personale medico del 118 avvertito da quest’ultima si era già messo in viaggio in direzione di casa loro.

Leggi anche –> Chiara Gualzetti omicidio, l’assassino ha confessato: scoperta scioccante

Immediatamente poi, dall’ospedale di Sassari, la neonata è stata trasferita in Liguria con un elicottero. Al momento sia la madre che il padre risultano indagati ufficialmente dalla Procura di Sassari.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

La loro posizione andrà ulteriormente approfondita, ma sembra certo che tutto quanto successo sia da attribuire ad una tragica fatalità e non per un atto volontario. La raccolta di indizi allo scopo di ricostruire la dinamica di questa circostanza drammatica va avanti.

Foto dal web