Vaccino, “con Pfizer e Moderna gli anticorpi potrebbero durano anni”

0
647

C’è uno studio da parte di alcuni ricercatori universitari che riguarda la durata degli anticorpi da vaccino a mRna, e che ha del sensazionale.

Vaccini Pfizer e Moderna
Vaccini Pfizer e Moderna la scoperta FOTO Getty Images

Il vaccino con Moderna e Pfizer potrebbe presentare un effetto inatteso. Ma niente di preoccupante, anzi: la possibilità che queste due importanti forme di protezioni svelino un lato decisamente gradito sono alte.

Leggi anche –> Chiara Gualzetti omicidio, l’assassino ha confessato: scoperta scioccante

Lo sostiene uno studio condotto da ricercatori statunitensi della Washington University di Saint Louis. I loro risultati hanno trovato pubblicazione anche sulla importante rivista specializzata di settore “Nature”.

Si tratta dell’opera svolta dagli anticorpi contenuti tanto nel vaccino Pfizer quanto in quello Moderna. I quali condividono il medesimo principio di funzionamento a mRna. Da quanto risulta, la protezione fornita da questi due ritrovati potrebbe durare per molto tempo.

Leggi anche –> Bollettino 28 giugno: meno di 400 contagi e 28 morti

Vaccino, perché potrebbero non servire più i richiami

Lo studio apposito riferisce addirittura di una presenza che potrebbe permanere per anni. Quanto pubblicato da “Nature” è stato ripreso anche dal prestigioso “New York Times”, a testimonianza di quanto queste osservazioni siano autorevoli.

Leggi anche –> Esplosione e incendio in una stazione ferroviaria di Londra – VIDEO

Se tutto questo dovesse corrispondere al vero, non ci sarebbe più bisogno di ulteriori richiami dopo avere ricevuto le due dosi previste. Questo almeno fino a quando non dovesse presentarsi una nuova forma del Coronavirus.

Nel corso di un anno e mezzo il pericoloso agente virale ha subito diverse mutazioni, arrivando a presentare almeno una mezza dozzina di varianti note. Ad oggi la più diffusa è la variante Delta, che secondo gli esperti virologi della comunità scientifica internazionale dovrebbe finire con il diventare dominante.

Leggi anche –> Morta a 15 anni di Covid: sperava di diventare un’avvocata

Cosa hanno intuito i ricercatori di questo studio

A settembre del 2021 la stessa potrebbe rappresentare il 90% della sua presenza in tutto il mondo. Corrisponde a certezza il fatto che chi è guarito dal Covid conserva gli anticorpi all’interno del proprio organismo per almeno 8 mesi.

Ma ciò porta ora i ricercatori autori dello studio in questione sono dell’idea che l’immunità possa durare per alcuni anni, limitatamente a chi risulta guarito e poi anche vaccinato. Mentre non si sa se la vaccinazione da sola possa fornire lo stesso, longevo periodo di protezione.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

In queste osservazioni non è stato preso in considerazione il vaccino Johnson & Johnson, che funziona invece a vettore virale. Per gli esperti però lo stesso dovrebbe proteggere non così a lungo rispetto ai vaccini basati sull’Rna messaggero.

FOTO Getty Images