Morto Claudio Corradini, musica in lutto: collaborò con Mango e Battiato

0
1057

Claudio Corradini, uno noto produttore italiano, che ha innovato la musica nel nostro Paese, è morto: collaborò con Mango e Battiato.

(screenshot video)

Un grave lutto ha colpito il mondo della musica italiana: si è spento nelle scorse ore Claudio Corradini, uno dei più profondi innovatori della musica italiana negli anni Ottanta, collaboratore di Mango e Franco Battiato, ma non solo. Nato a Carpi nel 1957, sin dalla metà degli anni Sessanta ha vissuto sempre nel vicentino. La sua carriera ebbe una svolta nella prima metà degli anni Ottanta.

Leggi anche –> Euro 2020, Francia eliminata “per colpa dell’astinenza”

Vi furono prima l’incontro con Mango, col quale venne avviata una collaborazione che poi portò ad alcuni brani di successo, come ‘Oro’ che il cantautore lucano scrisse con Mogol. Successivamente, arriva l’incontro con Scialpi. Il nome originario del brano era ‘Mama Voodoo’, che poi appunto Mogol trasformò nella hit che tutti noi conosciamo. Nascono i brani inediti dell’album “L’Io e Les”.

Leggi anche –> Variante Epsilon, nuova minaccia dopo la mutazione Delta: è già in Italia

Chi era il produttore Claudio Corradini, scomparso nelle scorse ore

Altro incontro fondamentale fu quello col maestro Giusto Pio: insieme realizzarono diversi brani. A metà anni Ottanta, subito dopo l’uscita del tormentone ‘L’Estate Sta Finendo’, Claudio Corradini conosce Stefano Rota e Stefano Righi, ovvero Michael e Johnson Righeira, il duo che in quegli anni cambiò la storia della disco music nel nostro Paese. Partì in tour con loro come tastierista e fu produttore di brani importanti come la versione dance di “Yes I know my way” di Pino Daniele, realizzata da Johnson Righeira.

Nel 1993 dà vita al progetto Gloria Mundi con cui scrive e arrangia tutti i brani e che ebbe una svolta importante col primo disco “Movimenti celesti”. La copertina dell’album fu infatti disegnata da Franco Battiato e il disco ebbe una certa fortuna. Del trio musicale, oltre a Claudio Corradini, facevano parte Michael Righeira, col nome di battesimo di Stefano Rota, e Francesco Signorini. La collaborazione con il maestro Giusto Pio andò avanti anche negli anni successivi. In anni più recenti, il compositore si è dedicato quasi esclusivamente alla produzione e ha collaborato anche alla stesura di un brano per Andrea Bocelli.