Italia – Inghilterra, la dedica speciale di Giorgio Chiellini

0
122

La vittoria dell’Italia sull’Inghilterra agli Europei 2020, la dedica speciale di Giorgio Chiellini per Davide Astori al Quirinale.

(Claudio Villa/Getty Images)

Ci sono immagini che difficilmente dimenticheremo della vittoria dell’Italia a questo Europeo. Una di queste è lo scatto che ritrae Giorgio Chiellini e Roberto Mancini mentre scendono dall’aereo. Capitano e allenatore sollevano la coppa vinta nella notte del Wembley Stadium. Ma ci sono anche parole che difficilmente dimenticheremo e alcune di queste sono state pronunciate pochi minuti fa dal capitano della Nazionale.

Leggi anche –> Finale EURO 2020: mancanza di attenzione al COVID-19 “devastante”

Infatti, Giorgio Chiellini – intervenendo al Quirinale, dove la Nazionale azzurra al completo è stata ricevuta insieme a Matteo Berrettini – ha fatto una dedica speciale. Una dedica a un ragazzo che da qualche anno non c’è più. E che probabilmente avrebbe sognato di esserci in un Europeo o un Mondiale.

Leggi anche –> Italia Inghilterra, Lino Banfi: “Mancini mi ha chiamato stanotte”

La dedica di Giorgio Chiellini a Davide Astori: “Lo avremmo voluto oggi con noi”

Stiamo parlando di Davide Astori, l’ex capitano della Fiorentina, che è stato trovato privo di vita il 4 marzo 2018, in un hotel di Udine a poche ore dalla partita contro la formazione di casa. Il calciatore dal 2011 era nel giro della Nazionale, anche se poi era stato escluso dalle convocazioni sia per i Mondiali che per gli Europei. In tutto, con la maglia azzurra, il compianto difensore che era molto amato dai tifosi ha collezionato 14 presenze, segnando anche un gol all’Uruguay.

Nel suo intervento oggi al Quirinale, Giorgio Chiellini ha commosso tutti quando nel corso dei suoi ringraziamenti ha voluto fare una dedica speciale, rivolgendosi proprio a Davide Astori, stroncato da un infarto. Queste le parole di grande sensibilità del capitano azzurro: “Avremmo voluto oggi qui con noi e che è sempre presente nei nostri pensieri, nel cuore di chi lo ha conosciuto e anche nei giovani che ne hanno sentito parlare”.