Morta Schurli, la tartaruga veggente dello zoo di Vienna – VIDEO

0
198

Schurli, la tartaruga veggente dello zoo di Vienna, è morta nelle scorse ore: in un video un ricordo dell’animale gigante.

(screenshot video)

Una tartaruga gigante di Aldabra di 130 anni, la più anziana residente allo zoo pubblico di Vienna, è morta dopo quasi sette decenni nella capitale austriaca. La tartaruga gigante di nome Schurli, un esemplare maschio, nata su un atollo delle isole Seychelles, è morta l’11 luglio. Schurli era una figura caratteristica insostituibile della storia dello zoo di Tiergarten Schönbrunn e il più antico dei residenti dello zoo, secondo la direzione della struttura.

Leggi anche –> Tino Lamparelli, un giovane italiano è morto in Vietnam

I suoi 68 anni presso la struttura lo hanno visto sopravvivere a un guardiano dello zoo dopo l’altro. “Schurli viveva con noi dal 1953. Molti visitatori dello zoo lo conoscevano da quasi sempre. La sua età esatta non era nota, ma era di almeno 130 anni”, ha detto lo zoologo Anton Weissenbacher. Quindi ha spiegato che è stata curata da generazioni di allevatori di animali che hanno costruito un rapporto speciale con il rettile gigante.

Leggi anche –> Dramma in montagna: morto don Graziano Gianola, prete dei giovani

La storia di Schurli, la tartaruga dello zoo di Vienna: perché è famosa

“Schurli aveva una forte personalità ed era adorabile e testardo. Gli piaceva essere accarezzato sul collo”, ha detto il guardiano dello zoo Maximilian Schon. Schon ha detto che quando Schurli era vivo, lo si poteva trovare per lo più immerso nell’acqua fredda o sdraiato sotto un irrigatore del prato durante l’estate. La salute di Schurli è peggiorata negli ultimi anni e i veterinari dello zoo lo hanno tenuto sotto stretta osservazione.

Schon ha anche raccontato: “Quando si trattava di cibo, preferiva i cetrioli succosi e le foglie secche. Erano come patatine per lui, solo più salutari”. Ma Schurli era diventato popolare anche per quanto avvenuto in occasione degli Europei del 2016: infatti, era stato chiamato a fare pronostici settimanali sulle squadre in competizione. Quindi è stato anche un modello per le campagne pubblicitarie dello zoo e ha preso parte a uno studio del 2019 che esplorava l’intelligenza delle tartarughe giganti di Aldabra. A suo modo, una vera star.