Calciatori no vax, caos in Serie A: 11 positivi e salta l’amichevole

0
231

Il caso di 2 calciatori no vax che militano nello Spezia, caos in Serie A: 11 positivi nel ritiro e salta l’amichevole.

(Gabriele Maltinti/Getty Images)

Il tema dei cosiddetti no vax, che si oppongono alla possibilità di effettuare il vaccino contro il Coronavirus, investe anche il mondo del calcio. In queste ore, infatti, sono 11 i calciatori positivi in una squadra di Serie A che si trova in ritiro. E la causa sarebbe la presenza in organico di due calciatori che si sono rifiutati di effettuare la prima dose di vaccino, manifestando la propria contrarietà.

Leggi anche –> Lazio, casi triplicati in una settimana: “Vaccino prima delle vacanze”

Il caso viene denunciato da Vincenzo Salini, medico sociale dello Spezia e membro della Commissione Medica Figc, il quale è intervenuto parlando del cluster che ha coinvolto proprio la squadra ligure. Secondo il medico, a farlo scaturire sarebbe stata proprio la presenza in organico di due giocatori che “non hanno voluto effettuare il vaccino e si ritengono no vax”.

Leggi anche –> Neonato figlio di no vax positivo: intubato a soli 2 mesi

Il caso dei calciatori no vax nello Spezia: cosa sta accadendo

Il medico sociale dello Spezia ci tiene a precisare che si tratta comunque di un piccolo cluster e che a quanto pare i calciatori che si sono infettati stanno comunque tutti bene. In un’intervista a Radio Punto Nuovo, Salini è intervenuto sulla possibilità di non convocare per le partite i calciatori no vax, sottolineando comunque che si tratta di una minima parte e che comunque queste decisioni spettano al club e non al medico sociale.

Questa la ricostruzione del medico sociale: “Un calciatore dei due no-vax è risultato positivo e gli altri vaccinati avevano avuto da troppo poco la prima dose per la copertura”. Quindi rileva che a suo avviso tutti i calciatori si dovrebbero vaccinare, ma che comunque non si possono costringere. Poco fa, intanto, lo Spezia con una nota ha comunicato che l’amichevole contro il Maia Alta Obermais, originariamente prevista per mercoledì 21 luglio prossimo a Prato dello Stelvio, è stata cancellata, proprio a causa del focolaio.