Vaiolo delle scimmie, paura in Cina: primo caso letale sull’uomo

0
71

Il vaiolo delle scimmie spaventa la Cina ed il mondo intero. C’è la paura che possa propagare un nuovo incubo dopo il Covid.

Vaiolo delle scimmie un uomo morto in Cina
Vaiolo delle scimmie un uomo morto in Cina FOTO Getty Images

C’è una situazione che fa molto preoccupare e che arriva ancora una volta dalla Cina. Si tratta del vaiolo delle scimmie, una patologia che è nota anche come Monkey B Virus (BV) e che ha diversi tratti in comune proprio con il vaiolo.

Leggi anche –> Flora Canto, fiocco azzurro per lei ed Enrico Brignano | FOTO

Malattia che l’umanità è stata in grado di debellare circa cento anni fa grazie all’apposito vaccino. Ora anche il vaiolo delle scimmie presenta delle analogie con questa malattia, seppure in una forma meno grave.

Questo però non la rende una patologia innocua. Anzi, la stampa cinese, e di rimando anche quella occidentale, fanno sapere che nello scorso fine settimana tale malattia ha causato il primo caso letale.

La vittima era un uomo che viveva a Pechino. Aveva 53 anni e lavorava come veterinario, specializzandosi proprio nello studio delle scimmie in un apposito istituto di ricerca.

Leggi anche –> Focolaio al matrimonio | un intero comune finisce in lockdown

Vaiolo delle scimmie, come è morta la vittima

Da quanto si apprende, l’uomo aveva compiuto delle osservazioni dirette sui cadaveri di due scimmie, sottoponendo entrambi a dissezione.

Leggi anche –> Antonella Clerici, la confessione: “Fatto non a cuor leggero” FOTO

Questo era accaduto un mese prima di mostrare dei sintomi evidenti di malessere, come episodi di vomito e di nausea. I primi segnali si erano manifestati ad inizio aprile. Nonostante i tentativi di accedere anche in più di un ospedale per ottenere un ricovero, alla fine è accaduto il decesso, che risale allo scorso 27 maggio.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Questa è la prima situazione nota fino ad oggi in Cina, stando alle stime ufficiali fornire dalle autorità locali. Sono risultate negative a qualsiasi esposizioni invece le persone con le quali la vittima era entrata in contatto. Questa malattia è nota sin dal 1932 ed il tasso di mortalità tra i primati è in media del 75%.

FOTO Getty Images