Musica in lutto: morto uno dei maestri della musica elettronica

0
268

Peter Rehberg, musicista underground e capo di Editions Mego, muore all’età di 53 anni: lutto nella musica elettronica.

(Twitter)

L’artista anglo-austriaco Peter Rehberg si è spento a soli 53 anni: il musicista e produttore ha realizzato numerosi album di musica ambient ed elettronica e ha fondato un’etichetta per sostenere opere chiave nei generi. Il musicista e capo dell’etichetta discografica che era una figura rispettata a livello mondiale nella musica underground avrebbe avuto un infarto. La sua morte è stata annunciata dal musicista Kassel Jaeger.

Leggi anche –> Costacurta, terribile dramma: la madre muore tragicamente

Rehberg è nato a Tottenham e cresciuto nell’Hertfordshire, per poi stabilirsi in Austria, da dove originariamente proveniva suo padre. Ha iniziato a pubblicare musica nel 1995 sotto il nome di Pita. Il suo album di debutto, Seven Tons for Free, ha sperimentato il potenziale strutturale del suono elettronico e l’uso di glitch.

Leggi anche –> Zaniolo, il romanista diventa papà: la ex Sara Scaperrotta ha partorito

Cosa sapere su Peter Rehberg, il musicista scomparso oggi

(screenshot video)

Quindi il suo seguito, Get Out, ha approfondito la sua esplorazione del tono, espandendosi nel rumore e nella musica ambientale. Il suo lavoro è cresciuto in scala e complessità in altri album Get Down, Get Off e Get In. Peter Rehberg è stato uno dei primi sostenitori del laptop come dispositivo per le prestazioni musicali. Oggi gran parte dei live set vengono realizzati proprio avvalendosi di questi dispositivi. Nel 2006 ha formato il duo KTL con Stephen O’Malley, chitarrista della band avant-metal Sunn O))). Hanno pubblicato sei album insieme, eseguendo musica ambient.

Ha anche formato Fenn O’Berg, un supergruppo con Jim O’Rourke e Christian Fennesz. Rehberg è stato anche un importante curatore di musica underground con la sua etichetta Mego. Fondata nel 1995 da Ramon Bauer, Peter Meininger e Andreas Pieper, la sua prima uscita è stata dello stesso Rehberg su uno split 12” dal titolo General Magic. Esploratore di molti generi musicali, nel 2012, Rehberg ha avviato un progetto d’archivio, ripubblicando il lavoro del Groupe de Recherches Musicales (GRM), un collettivo di musicisti attivi dagli anni ’50.