Pavia, anziana morta in ospedale: l’avevano vaccinata quattro volte

0
225

Un drammatico episodio legato alla campagna vaccinale sarebbe avvenuto a Pavia, anziana morta di ictus: l’avevano vaccinata quattro volte.

(Cole Burston/Getty Images)

Si è spenta a 81 anni nel reparto di neuro-riabilitazione dell’Istituto Maugeri di Pavia un’anziana donna che a quanto apre da aprile combatteva una battaglia per la vita. La vicenda che riguarda la donna è davvero sconcertante. Infatti, l’avevano ricoverata a causa di un ictus e si stava riprendendo da quel malore. I figli hanno ora scoperto quanto è accaduto alla madre durante la riabilitazione.

Leggi anche –> Chiara Nasti, il triste annuncio: “Addio a tutti” FOTO

La donna, infatti, era stata già vaccinata con Pfizer prima di ammalarsi, il 4 e il 25 marzo. Durante la lungodegenza per riprendersi dall’ictus, le sono stati invece somministrati due vaccini moderna. La prima dose l’ha ricevuta il 26 maggio e il 5 luglio la seconda dose. Ora i figli vogliono la verità su quanto accaduto alla loro mamma e hanno presentato una denuncia ai carabinieri.

Leggi anche –> Enrico Montesano “ha avuto il Covid”: la versione di Selvaggia Lucarelli

Vaccinata quattro volte: una vicenda incredibile

(Lisa Maree Williams/Getty Images)

Un fascicolo d’inchiesta su quanto avvenuto è stato aperto dal sostituto procuratore Valeria Biscottini. Sulla salma della donna verrà eseguita l’autopsia, che dovrà chiarire se il sovradosaggio vaccinale possa essere causa scatenante di un nuovo malore, che stavolta è stato fatale alla donna. L’anziana peraltro aveva avuto l’ictus appena una settimana dopo il vaccino, lo scorso 2 aprile. L’avevano ricoverata al Policlinico San Matteo e dopo pochi giorni trasferita all’Istituto Maugeri.

I figli assicurano che la riabilitazione sembrava procedere per il verso giusto e che la mamma si stava pian piano riprendendo, prima della ricaduta. Questo almeno quanto dicevano loro dalla clinica, poiché come noto le norme anti Covid impediscono visite di parenti nelle strutture. Ora lamentano: “Se ci avessero avvisati li avremmo bloccati dato che la mamma era stata già immunizzata”. E vogliono chiarezza.