Cashback, partiti i rimborsi ma non per tutti: il motivo

0
131

I rimborsi per il Cashback di Stato procedono già da qualche giorno, ma non tutti hanno ricevuto il bonifico

Foto Getty images

Il 12 agosto sono partiti i primi bonifici per i rimborsi del cashback di Stato. Si tratta del rimborso del 10% delle spese effettuate con pagamenti digitali dopo aver aderito al programma cashback. La Consap ha dato avvio alla procedura dei pagamenti e già sono tanti gli italiani che hanno partecipato al programma, a vedersi accreditato l’importo previsto. Tuttavia, in molti si chiedono perchè non hanno ancora ricevuto il rimborso che arriva ad un massimo di 150 euro. La realtà è che il 12 agosto sono iniziati i pagamenti ma i destinatari sono circa 6 milioni di cittadini.

Cashback, controllare l’iban

E’ necessario dare tempo alla Consap di provvedere per tanti destinatari. Tuttavia, è opportuno anche verificare che l’Iban sia corretto. Spesso ci sono dei cambiamenti in corso d’opera e magari qualcuno potrebbe aver dimenticato di aggiornare l’iban qualora fosse cambiato.

Leggi anche > Lotteria degli scontrini, la maxi estrazione

Va ricordato che l’app IO non invierà alcun messaggio legato al pagamento del rimborso. E’ necessario controllare il conto corrente. Qualora siano passati troppi giorni dall’inizio die pagamenti e il bonifico non appare, è opportuno controllare l’iban per verificare se è quello giusto. Per controllare l’iban basta accedere all’app IO, aprire la sezione Portafoglio e fare tap sulla sezione relativa al primo semestre di Cashback ordinario.

Leggi anche > Cashback sospeso, ecco chi vuole eliminarlo

Dopo aver pigiato si apre una schermata che indica l’importo accumulato, il messaggio di complimenti per aver raggiunto almeno 50 transazioni valide e, subito sotto, è indicato l’iban per ricevere l’accredito: se è sbagliato i soldi non arriveranno mai. Se l’iban è corretto bisogna solo attendere il bonifico che sicuramente arriverà.

foto getty images