Barbara D’Urso e lo struggente ricordo della mamma

0
89

Barbara D’Urso e lo struggente ricordo della mamma scomparsa oltre cinquant’anni fa a causa del Linfoma di Hodgkin

Screenshot Barbara D'Urso

Nella vita di ognuno di noi vi sono momenti indimenticabili. Indimenticabili per la gioia o per il dolore infiniti che quei momenti portano con sé. Se vi è un evento che tutti, ma proprio tutti, si augurerebbero di non vivere mai è quello riguardante la perdita della propria mamma. Un momento che produce sempre uno sconquasso emotivo devastante. Quel cordone ombelicale tagliato decenni prima nel momento della nostra nascita, rimane presente come un filo invisibile che continua a legarci a nostra madre.

Ti potrebbe interessare>>> Barbara D’Urso, quante limitazioni: Mediaset stravolge “Pomeriggio 5”

Quando i suoi occhi si chiudono per sempre, anche quel filo invisibile viene reciso definitivamente ed è sempre un dolore insopportabile ed indescrivibile. Il 23 agosto 1968 Barbara D’Urso scoprì, in prima persona, quell’immenso dolore. Era ancora piccola quando una terribile malattia le portò via la sua adorata mamma. “Il linfoma di Hodgkin, è un tumore del sistema linfatico che conosco molto bene. Oltre 50 anni fa non era conosciuto e non si poteva curare, tanto è vero che la mia mamma che era molto giovane l’ho persa così”, così confessò tra le lacrime durante una sua trasmissione.

In quella puntata di “Pomeriggio 5”, la D’Urso stava raccontando la storia di Teresa Cherubini, figlia di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, che dopo mesi di dura battaglia era riuscita a sconfiggere il terribile Linfoma di Hodgkin. In quel momento la conduttrice non ha potuto fare a meno di raccontare anche la sua tragica esperienza con il Linfoma di Hodgkin, datata oltre cinquant’anni prima, quando era ancora piccola. Da quella malattia sua madre non riuscì a guarire.

Ti potrebbe interessare>>> Barbara d’Urso, nuova indiscrezione: sarà la conduttrice de La Talpa?

Dopo oltre cinquant’anni il ricordo di una ferita mai rimarginata viene espresso attraverso un post sul suo profilo Instagram. Una data campeggia chiaramente: 23 agosto 1968, il giorno più doloroso della sua vita. Ed un ricordo così toccante, dove tanti di noi possono rivedersi e ritrovarsi, non poteva non suscitare uno sciame di consensi. Tanti i link di approvazione, con commenti commossi accompagnati da tanti cuori rossi. Emozionati ed emozionanti come i ricordi.