Vendere abiti usati online, come fare? Tutti i segreti per riuscire al meglio

0
91

Vendere abiti online potrebbe sembrare un percorso facile, ma non sempre è così: ecco perché questa guida breve, ma utile sarà perfetta per te che sei alle prime armi!

vendere abiti online
Foto da Canva

Tutti noi abbiamo dei capi d’abbigliamento che non ci stanno più o che purtroppo appartengono a una corporatura passata. Certo, separarsene non è sempre facile, anzi, il più delle volte tendiamo ad accumulare vestiti vari che ci hanno fatto sentire bene, ma è l’ora di disfarsene, affinché si possano accogliere nel guardaroba nuovi capi alla moda.

Ovviamente possiamo disfarcene donandoli a qualche ente benefico, ma sapevate che è possibile guadagnare dei soldi con la vendita? Ovviamente si fa presto a dirlo, ecco perché noi di Ciaostyle.it vogliamo fornirti una breve, ma interessante ed utile guida affinché ci si possa orientare al meglio sulla vendita online. Scopriamo i vari step da seguire

LEGGI ANCHE: Chi è Elodie? Scopri i suoi 5 look migliori per conoscerla meglio

Vendere abiti online è possibile, ma come guadagnarci sul serio? Eccoti il vademecum per eccellenza

Vendere abiti usati online non è per nulla utopia, anzi, sono in tanti a farlo e il guadagno può essere netto ed immediato.

abito rosa vintage
Foto da Canva

Tuttavia non basta affidarsi ad un semplice sito, descrivere il capo scelto e pretendere che venga venduto in tempi brevi, spesso commettiamo alcuni errori senza neppure accorgercene. Quali sono quindi i vari step da seguire che garantiscono il successo? Scopriamoli insieme

LEGGI ANCHE: Gonne lunghe anche in autunno, come abbinarle? Modelli must have e outfit consigliati

  • Attenzione alla foto: affinché il nostro capo risalti nell’immediato e catturi l’attenzione di altri utenti, deve essere ben sfoggiato in tutte sue peculiarità. Una foto in scarsa risoluzione, tagliata o con parti mancanti dell’outfit o del capo in sé, non faranno altro che far scorrere l’utente verso altri vestiti, in cui magari i dettagli sono presenti. Per questa ragione, scattiamo sempre con una buona fonte di luce, preferibilmente naturale e mai contro, eseguiamo uno scatto intero, uno sul dettaglio ed un altro sull’etichetta, affinché tutti possano leggere le caratteristiche reali del vestiario.
  • Scegli la giusta descrizione: non basta ovviamente caricare sul sito di riferimento la foto del capo senza una giusta descrizione. Bisogna catturare l’utente anche con alcune informazioni basilari. Ad esempio, se vogliamo vendere un cappotto vintage anni 80 con pellicciotto, non basterà scrivere ‘Vendo cappotto con pelliccia‘. Proviamo ad essere più fantasiosi come ad esempio ‘Blazer anni 80, vintage in pelle, color ecrù, colletto in pelliccia morbidissima e calda‘. Più informazioni riusciremo a dare, includendo anche lo stato del capo, più attireremo l’attenzione. Ovviamente ricordiamoci di essere sinceri nel prezzo, altrimenti potremmo ritrovarci un capo sul catalogo non venduto.

    abito lungo vintage
    Foto da Canva
  • Affidati agli esperti: ovviamente possiamo semplicemente creare un annuncio su Facebook per vendere i capi che non usiamo, tuttavia potremmo non raggiungere i clienti desiderati. Ad esempio sul social troviamo una sezione chiamata Marketplace in cui creare annunci. Basterà selezionare la sezione giusta riguardante l’abbigliamento, caricare foto e decidere il prezzo. Vinted ad esempio fornisce elementi molto validi come descrizione del pezzo, indicazioni sul colore, la taglia, stato dell’abito dall’usato al ‘nuovo con cartellino‘. Su Depop invece è possibile ispirarsi agli annunci di altri profili che hanno venduto un buon numero di vestiario, affinché si possano raggiungere sempre più utenti. In questo modo le vostre vendite online saranno proficue e divertenti!