AstraZeneca, l’Aifa indica come agire per i vaccinati under 60

0
577

I casi di trombosi letali per due vaccinati con AstraZeneca hanno allertato le autorità sanitarie italiane. Cosa accadrà adesso.

vaccino AstraZeneca
vaccino AstraZeneca FOTO Getty Images

Dopo i due casi letali legati al vaccino AstraZeneca, con l’emergere di altrettante trombosi letali che sono costate la vita ad una 18enne in Liguria e ad un 54enne in Lombardia, le autorità sanitarie italiane hanno dovuto prendere dei provvedimenti vietando proprio il ritrovato britannico a chi ha meno di 60 anni di età.

Leggi anche –> Vaccino Johnson & Johnson, 54enne in rianimazione per trombosi

Cosa che ha causato l’annullamento degli open day e di appuntamenti analoghi previsti in origine ed aperti a tutta la fascia della popolazione. Già il Ministero della Salute, per bocca del titolare Roberto Speranza, ha confermato qualche giorno fa quale sarà la soluzione per rimediare a ciò.

Ed ora giunge anche la conferma da parte dell’Aifa. L’Agenzia Italiana del Farmaco conferma che gli under 60 vaccinati con AstraZeneca nel corso della prima tornata, riceveranno poi o il Moderna o il Pfizer nel corso dell’appuntamento previsto per il richiamo.

Leggi anche –> Denise Pipitone “viva”, la foto in diretta tv: “Questa bambina somiglia…”

Astrazeneca, per l’Aifa la vaccinazione mista è del tutto sicura

La vaccinazione mista è ritenuta sicura ed anzi, Speranza ha citato alcuni dati tedeschi secondo i quali questo porterebbe ad avere un livello di protezione contro il virus anche più potente.

Leggi anche –> Zona bianca, più di 40 milioni di italiani in “quasi normalità”: cosa cambia

Anche l’Aifa si basa su delle osservazioni cliniche sottolineando come “la risposta degli anticorpi e la reattogenicità risultino più potenti”. Per procedere in tal senso serve una apposita legittimazione a norma di legge, che finirà molto presto in Gazzetta.

Tanto AstraZeneca quanto Pfizer e Moderna funzionano su princio di mRNA e mostrano così dei tratti in comune ed una marcata compatibilità. Secondo il Comitato tecnico scientifico, la vaccinazione mista non presenta effetti collaterali.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

In Germania è già avvenuta e, come detto, gli studi e le analisi di riferimento non lasciano timori di sorta. La seconda vaccinazione, nelle indicazioni delle autorità sanitarie di casa nostra, deve avere luogo a circa 8 o 12 settimane di distanza dall’ottenimento della prima dose.

vaccino AstraZeneca
Vaccino AstraZeneca FOTO Getty Images