Bambino scomparso, sparito da casa: “Al nostro risveglio non c’era più”

0
769

Si cerca disperatamente un bambino scomparso in maniera inspiegabile, con tutta probabilità nel corso della notte mentre i genitori dormivano.

Bambino scomparso in provincia di Firenze
Bambino scomparso in provincia di Firenze Foto dal web

Bambino scomparso, è mistero in provincia di Firenze, dove un piccolo di soli 2 anni non si trovava nella sua culla. Al risveglio la mamma ed il papà hanno fatto la triste scoperta ed è scattato subito l’allarme.

Leggi anche –> Variante Delta, nuovo focolaio in Italia: tanti i contagiati

Questo fatto di cronaca si è verificato a Palazzuolo sul Senio, in località Campanara. La sparizione è avvenuta di notte e non si ha una spiegazione sul cosa possa essere accaduto.

Subito è stato aperto un fascicolo nei confronti di ignoti, con gli inquirenti al lavoro per cercare di capire cosa sia successo. Accanto all’abitazione vivono altri componenti della famiglia e l’unica strada percorribile è in sterrato.

Poi tutto attorno ci sono i boschi del Mugello. I genitori hanno confermato ai carabinieri, nel corso di un interrogatorio per raccogliere la loro deposizione, che al loro risveglio non c’era più il bambino scomparso presumibilmente nelle ore precedenti.

Leggi anche –> Incidente stradale, trappola mortale sulla A1: è strage FOTO

Bambino scomparso, si cerca ovunque: le ipotesi

Il piccino ha per la precisione 21 mesi di età. E non viene ritenuto utopistico pensare che possa anche essersi allontanato da solo, in maniera autonoma, approfittando di una serie di imprudenze da parte dei genitori.

Leggi anche –> Cadavere a Venezia, il corpo galleggia davanti all’hotel Excelsior

Andare via da casa da solo significa certamente avere trovato la porta di ingresso non serrata, se non addirittura aperta. Fatto sta che al momento è in corso una battuta di ricerca volta a ritrovarlo.

La vegetazione circostante può rappresentare una potenziale insidia per un bimbo. Alle operazioni stanno prendendo parte i vigili del fuoco, i carabinieri, il soccorso alpino, la protezione civile ed alcuni membri della famiglia.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Sono impiegati anche i cani molecolari, i droni ed un elicottero, per scandagliare la zona dall’alto. Si spera che questa situazione possa risolversi con un epilogo positivo. La famiglia purtroppo sta vivendo nell’ansia e nella paura per questo bimbo.

Foto dal web