Incidente in moto, muore 7 anni dopo come il fratello sullo stesso mezzo

0
668

Un uomo ha perso la vita in tragiche circostanze, con un dettaglio tremendo. E pure il fratello morì in un incidente in moto con quel mezzo.

Incidente in moto fatale nel Vicentino
Incidente in moto fatale nel Vicentino Foto dal web

Un incidente in moto gravissimo ha portato alla morte di due fratelli. Ma la cosa è avvenuta a distanza di tanto tempo, in episodi distinti. Il primo a perdere la vita fu Mauro nel marzo del 2014. Ora è toccato a Mirko, che stava guidando lo stesso mezzo sul quale perse la vita il fratello.

Leggi anche –> Elisabetta Gregoraci, rapina in casa con lei e il figlio: “Ci ha salvati”

Lo scorso 20 giugno 2021 l’uomo è andato a schiantarsi contro un palo con su un cartello della segnaletica stradale. È successo a Rosà, in provincia di Vicenza, tra l’altro il paese d’origine dello sfortunato cantante Michele Merlo, morto a 28 anni qualche settimana fa.

L’incidente in moto si è verificato attorno all’alba di domenica 20 giugno. Purtroppo Mirko era già morto da parecchio.

Ad accorgersi della presenza del suo cadavere è stato un passante, a mattina ormai inoltrata ed a circa 4 ore di distanza dalla tragedia.

Leggi anche –> Joanne Linville, morta l’attrice di Star Trek: recitò con diversi big

Incidente in moto, il dettaglio tremendo

Per quanto riguarda il fratello scomparso nel 2014, all’epoca l’uomo aveva 31 anni ed era un ricercatore universitario. Morì a Padova dopo un incidente presso un incrocio. A piangere lui a distanza di anni, ed ora anche Mirco, sono la madre, le loro due sorelle ed un altro fratello.

Leggi anche –> Bollettino 21 giugno: mai così pochi contagi da 10 mesi

La comunità di Bassano del Grappa, dove la famiglia vive, si stringe al dolore vissuto da quest’ultima. Il passante che ha scoperto il cadavero di Mirco, 34 anni – che lavorava come imprenditore, proprio come suo padre scomparso nel 2011 – aveva notato il cartello della segnaletica divelto.

Inoltre sull’asfalto c’erano dei rottami e dei detriti di una carrozzeria. Segni evidenti di un incidente stradale accaduto di recente. E c’era anche la moto su uno dei lati della carreggiata. Terribile il dettaglio che ha riguardato il cadavere della vittima.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Sembra infatti che la testa non fosse attaccata al corpo. Da stabilire le circostanze che hanno portato al verificarsi di questo dramma. Il magistrato di turno ha disposto il sequestro sia del corpo della vittima che della moto.

Foto dal web