Adolescente muore nel sonno 3 giorni dopo la seconda dose di vaccino

0
820

Dramma negli Usa, adolescente del Michigan muore nel sonno a 13 anni, 3 giorni dopo la seconda dose di vaccino.

l’adolescente morto dopo il vaccino

Un ragazzo di 13 anni del Michigan è morto nel sonno tre giorni dopo aver ricevuto il vaccino contro il Coronavirus e i Centers for Disease Control hanno aperto un’indagine sulla morte. Jacob Clynick – che si stava preparando per entrare al liceo in autunno – ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer in un Walgreens a Zilwaukee, nel Michigan, il 13 giugno, ha detto sua zia al Detroit Free Press. La notizia viene rilanciata dal NY Post.

Leggi anche –> Covid, l’allarme di Magi: “I casi saliranno tra due settimane”

Jacob era sano e non aveva problemi di salute di base. Nei due giorni successivi alla seconda iniezione, gli unici effetti collaterali che aveva avuto erano gli stessi che la maggior parte degli altri aveva dovuto affrontare: stanchezza e febbre. Il 15 giugno, due notti dopo aver ricevuto la seconda dose, Jacob si è lamentato di un mal di stomaco prima di andare a dormire e non si è più svegliato.

Leggi anche –> Green pass e vaccini venduti a 100 euro: sequestrato canale Telegram

Il dramma dell’adolescente che muore nel sonno dopo il vaccino

Vaccino Johnson & Johnson caso di trombosi

“È morto nel cuore della notte a casa”, ha detto sua zia, Tammy Burages. L’indagine del CDC è stata confermata dal dipartimento della salute della contea. Il medico legale ha eseguito l’autopsia, anche se la causa della morte non è stata ancora determinata. “L’indagine sull’esistenza di una correlazione tra la sua morte e la vaccinazione è ora a livello federale con il CDC”, ha dichiarato alla Free Press il direttore medico del dipartimento sanitario della contea di Saginaw.

Intanto, “il dipartimento della salute continua a incoraggiare le famiglie a parlare con i propri medici per valutare i propri rischi e benefici della vaccinazione”. La morte del ragazzo è stata segnalata al CDC dopo che questi ha riconosciuto “relativamente poche” segnalazioni di miocardite, un’infiammazione del muscolo cardiaco, tra adolescenti e giovani adulti che ricevono il vaccino. L’American Academy of Pediatrics ha concordato, definendo il disturbo “un effetto collaterale estremamente raro”, aggiungendo che la maggior parte dei casi non è grave.

vaccino studio