Sylvie Lubamba: chi è la showgirl, il successo, il carcere, la rinascita

0
375

Cosa sapere su Sylvie Lubamba: chi è la showgirl, il successo, il carcere, la rinascita, carriera e curiosità su di lei.

(screenshot video)

Nata a Firenze da genitori congolesi, la showgirl Sylvie Lubamba è stata nel corso degli anni Novanta uno dei nomi più controversi dello spettacolo italiano. Ex Miss Toscana 1992, venne ammessa a Miss Italia, prima ragazza di colore, ben prima di Denny Mendez che vinse qualche anno più tardi, ma venne poi squalificata per alcune foto di nudo integrale.

Leggi anche –> Lutto nella musica: morta Anita Lane, collaborò con Nick Cave

A fine anni Novanta, dopo alcuni spot, arrivò l’esordio televisivo con Guida al Campionato, quindi due anni dopo iniziò il sodalizio con Piero Chiambretti, che la scelse per Markette. Nel 2005, la showgirl ha partecipato al reality show La Talpa e quindi in veste di inviata al programma di approfondimento Lucignolo.

Leggi anche –> Ylenia Carrisi si vergognava di ciò che faceva: le parole di Romina Power

Le controversie della showgirl Sylvie Lubamba

La sua carriera artistica conobbe un’improvvisa interruzione nel 2006 a causa di alcuni guai giudiziari: condannata a cinque mesi e venti giorni per uso indebito di carte di credito, viene di fatto allontanata dalla televisione. Nel 2014, per lei scattano addirittura le manette. I reati sono i medesimi: secondo l’accusa svuotava i conti dei suoi amici. Ha scontato in carcere oltre tre anni di detenzione, nel corso dei quali ha conosciuto Patrizia Reggiani e ha anche partecipato alla lavanda dei piedi nel giorno del Giovedì Santo del 2015, da parte di Papa Francesco.

Una volta uscita dal carcere, sono arrivate nuove ospitate televisive. Lentamente, infatti, Sylvie Lubamba appare in alcune trasmissioni, in particolare siede nei salotti televisivi di Barbara D’Urso. Conduce alcune trasmissioni radiofoniche e all’inizio del 2021 pubblica anche la sua autobiografia. A fine 2020, si parla di lei anche per una vicenda legata alle sue cattive condizioni economiche. La donna denuncia infatti di aver dovuto richiedere il reddito di cittadinanza per andare avanti.