Razzismo dopo Italia – Inghilterra, 5 arresti: Saka rompe il silenzio

0
115

Episodi di razzismo dopo Italia – Inghilterra contro tre giocatori di colore della nazionale dei Tre Leoni, 5 arresti: Saka rompe il silenzio.

(Charlotte Tattersall/Getty Images)

Cinque persone sono state arrestate in relazione ai termini razzisti nei confronti dei giocatori di calcio inglesi sui social media, intanto il responsabile calcio della polizia del Regno Unito avverte coloro che hanno pubblicato materiale odioso: “Ti rintracceremo”. Le società di social media stanno consegnando alla polizia i dettagli degli account coinvolti negli episodi di razzismo.

Leggi anche –> Chiellini, perché l’Italia ha vinto? “Per il Kiricocho” | VIDEO

Come noto, i destinatari di tali episodi sono Marcus Rashford, Jadon Sancho e Bukayo Saka che sono stati oggetto di abusi dopo la sconfitta dell’Inghilterra contro l’Italia nella finale di Euro 2020. Piattaforme come Facebook, Instagram e Twitter sono state oggetto di critiche per non aver agito abbastanza rapidamente da rimuovere post di odio dopo la partita di domenica. Adesso, stanno cercando di individuare i responsabili di questi insulti.

Leggi anche –> “Chiellini e Bonucci hanno imposto il bus scoperto, la festa era vietata”

5 arresti per gli episodi di razzismo dopo Italia – Inghilterra. E Saka si sfoga dopo gli insulti

(Charlotte Tattersall/Getty Images)

Ma non è solo il razzismo post Italia – Inghilterra a preoccupare le forze dell’ordine. L’Unità di polizia del calcio del Regno Unito (UKFPU) ha dichiarato che, a partire da martedì, sono stati registrati 897 incidenti legati al calcio e 264 arresti in tutto il paese nelle 24 ore che circondano la finale. Ciò ha portato il numero di incidenti legati al calcio durante il torneo a 2.344 e gli arresti a 630. In sostanza, un terzo degli arresti sono avvenuti nelle ore precedenti e successive alla finale.

Mercoledì, la polizia di Greater Manchester ha confermato che un uomo di 37 anni di Ashton-Upon-Mersey è stato arrestato per messaggi scritti dopo la partita. Un uomo di 42 anni di Runcorn è la quinta persona ad essere stata interrogata. A questi, si aggiungono tre persone che sono state arrestate nelle ore precedenti. Instagram ha ammesso che l’app “erroneamente” non è riuscita a segnalare alcuni commenti razzisti, ma ha affermato che il problema è stato risolto. Mercoledì, il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato che non esiterà a legiferare ulteriormente per reprimere l’odio online. Intanto, Saka ha rotto il silenzio, manifestando tutto il dispiacere e poi rivolgendosi alle grandi piattaforme social. “Non voglio che alcun bambino o adulto riceva i messaggi di odio che io, Rashford e Sancho abbiamo ricevuto in questi giorni”, ha scritto.